A Roma il primo distributore automatico di pizze calde

In funzione dal 5 aprile, da mesi sta attirando l’attenzione di cittadini e turisti, incuriosendo anche i cronisti d'Oltreoceano

0
18 Numero visite

Nel suo primo mese di attività aveva sfornato un migliaio di pizze

Dal 5 aprile in via Catania, nella zona di piazza Bologna, a Roma, è in funzione la prima pizzeria automatica mai installata nella Capitale, capace di sfornare una pizza in soli tre minuti. Attiva sette giorni su sette, 24 ore su 24, da mesi sta attirando l’attenzione di cittadini e turisti, incuriositi da questo distributore di colore rosso fiammante, marchiato Mr.Go. Una novità che non è sfuggita nemmeno ai cronisti d’Oltreoceano, diventando oggetto di un articolo pubblicato nelle ultime ore dalla Cnn.

Pubblicità

Come funziona

La macchina è in grado di impastare, condire e cuocere una pizza a 380° in soli 3 minuti, utilizzando ingredienti freschi e di prima scelta. All’interno del distributore, che è totalmente automatizzato, la farina si miscela con l’acqua per formare a un panetto del peso di 160 grammi, che viene pressato fino a diventare il classico disco piatto su cui scendono il pomodoro e gli altri condimenti in base alla pizza opzionata. La tecnologia in uso è frutto della ricerca di una start up internazionale attiva nel settore del food tech e che ha brevettato il complesso distributore sotto il marchio Let’s Pizza. Quattro le proposte disponibili – Margherita, Diavola, Pancetta e Quattro formaggi – per un prezzo che oscilla tra i 4,50 e i 6 euro.

L’ideatore: “Mai voluto competere con una pizzeria classica”

“C’era un buco nel mercato: nonostante Roma sia una città importante, di notte, dopo una certa ora, non c’era nulla di disponibile nell’ambito food”, spiega alla Cnn Massimo Bucolo, il responsabile dell’iniziativa. “Non abbiamo mai voluto competere con una classica pizzeria”, aggiunge l’imprenditore, che definisce le pizze prodotte dal distributore “un incrocio tra una pizza e una piadina”. Nel suo primo mese di attività, la macchina aveva già sfornato un migliaio di pizze.

 

Pubblicità