Domeniche ecologiche a Roma, ecco le date dei blocchi del traffico

0
31 Numero visite

Una nel 2020 e tre nel 2021: la decisione contenuta in una memoria di giunta

Tornano le domeniche ecologiche, con i relativi blocchi della circolazione, a Roma. A stabilirlo è la memoria di giunta numero 60 del 30 ottobre nella quale vengono fissate date e orari dei blocchi del traffico domenicali all’interno della fascia verde.

Le date dei blocchi del traffico a Roma

Le date previste sono: 15 novembre 2020, 24 gennaio 2021, 14 febbraio 2021, 14 marzo 2021. In ognuna di queste giornate è prevista l’interdizione della circolazione veicolare dalle 7.30 alle 12.30 e dalle 16.30 alle 20.30. Il blocco sarĂ  valido all’interno della fascia verde.

Gli appuntamenti sono stati decisi analizzando il calendario degli eventi in cittĂ , per evitare sovrapposizioni. Si legge nella memoria di giunta: “Le giornate scelte, sempre di domenica, sono individuate tenuto conto dei periodi potenzialmente critici per le condizioni micrometeorologiche di stabilitĂ  atmosferica e sono calendarizzate a seguito di apposita ricognizione volta all’esclusione della concomitanza di eventi di particolare interesse per la collettivitĂ , quali festivitĂ  o eventi sportivi, nell’intento di procedere ad un doveroso bilanciamento degli interessi coinvolti”.

Smog: Roma tra le peggiori 25 città in Europa per i danni causati dall’inquinamento

Nella memoria di giunta si specifica che “l date e orari sono suscettibili dl modifiche tenuto conto del contento ambientale dl rifenmento al momento dell’attuazione del divieto, nonchĂ© del verificarsi di eventi, ad oggi non previsti nĂ© prevedibili”.

Nelle prossime settimane, con l’accensione dei riscaldamenti e la stabilitĂ  atmosferica, come spesso accade saliranno le concentrazioni di polveri sottili. Ricordiamo che rimane valido il piano della giunta con provvedimenti modulati in base ai giorni di superamento di Pm10 nell’aria. Sforamenti che, se arrivano fino all’ottavo giorno, possono portare al blocco dei diesel euro 6 come accaduto all’inizio del 2020, con annesse polemiche.

 

 

Newsletter