“Un consorzio per sfruttare la Lis???”

4
10.122 Numero visite
Vorrei dire qualcosa a voi sordi, per quelli che amano la LIS fino alla follia, per quelli coloro che cercano da anni di diffondere la lingua dei segni italiana con innumerevoli sacrifici e anche a quelli che lavorano insegnando ai bambini la LIS.

E' un chiaro segnale: hanno proprio intenzione di monopolizzare la LIS a loro vantaggio!
E’ un chiaro segnale: hanno proprio intenzione di monopolizzare la LIS a loro vantaggio!

Di recente è stato creato un consorzio delle cooperative chiamato “Consorzio Vittorio Ieralla” che attraverso le sue consorziate (ovvero le cooperative situate in Abruzzo, Campania e Puglia) intendono attivare un servizio a favore dei sordi.

Infatti è stato determinato che l’ESTERNALIZZAZIONE DEI SERVIZI ANNESSI ALL’ENS d’ora in poi dovrà essere “unicamente” affidata al Consorzio “Vittorio Ieralla”.

QUESTO VUOL DIRE CHE QUALSIASI INIZIATIVA LEGATA ALLA PROMOZIONE DELLA LINGUA DEI SEGNI ITALIANA DOVRA’ ESSERE COMUNICATA ALLA SEDE CENTRALE CHE DECIDERA’ SE DELIBERARE O NO L’INIZIATIVA STESSA!

GRAZIE A QUESTO CONSORZIO, LA LIS SARA’ MONOPOLIZZATA!

Ecco perché il signor Petrucci – nel suo articolo pubblicato nel sito dell’ENS qualche settimana fa – aveva deciso di scrivere una proposta di legge sul riconoscimento della LIS in maniera totalmente autonoma, senza neppure convocare le altre associazioni.

E’ un chiaro segnale: hanno proprio intenzione di monopolizzare la LIS a loro vantaggio!

Dunque, chiedo a voi cari soci di avere il coraggio di osare!
Osare a chiedere a loro perché hanno creato questo consorzio a vostra insaputa.
All’insaputa anche a coloro che stanno cercando, facendo tanti sacrifici, di diffondere la lingua dei segni italiana attraverso qualsiasi iniziativa.

E le associazioni di interpreti come l’ANIOS che fanno?

Questa è la realtà dell’ENS di oggi che sta andando verso una direzione totalmente diversa a quella che molti soci hanno creduto finora.

Il rinnovamento, tanto paventato dal signor Petrucci in occasione del Congresso Straordinario di Rocca di Papa, all’indomani della sua nomina a Presidente Nazionale dell’ENS, non si è MAI fatto vedere!

Per favore, cari sordi, apritevi gli occhi se volete salvare (sul serio) la LIS dalla speculazione!!!

Ripeto: LA LIS NON E’ PROPRIETA’ PRIVATA DELL’ENS! LA LIS E’ DI TUTTI!

Un saluto,
Giulio Scotto di Carlo

Newsletter

4 Commenti

  1. non sono d’accordo Xtreme! il video è stato fatto molto bene e faccio i miei complimenti a Giulio!! fossero tutti così i video con la perfetta simbiosi tra la Lis e i sottotitoli, allora saremo tutti felici!! Caro Giulio vai avanti così!! Poi una valutazione per tutti: i sordi in Italia ricordiamoci siamo + o – circa 7,6 milioni di cui solo meno di 700 mila solo con la lingua LIS, circa 900 mila circa i giovani/adulti con le protesi acustiche o impianti cocleari, mentre il resto sono tutti anziani, sì la maggioranza assoluta sono ANZIANI che non conoscono la LIS per cui ci vuole criterio o par condicio sulla comunicazione verbale altrimenti si rischia di isolarci completamente dalla società!! un saluto a tutti da Luca Iacovino Presidente dell’Ans Onlus

  2. Caro Mario, sono io che devo ringraziare te che mi permetti di pubblicare e di rispondere con democrazia. Per quanto hai bisogno di me x qualsiasi cosa o consigli io sono sempre a disposizione. Dirò di più, sono alla ricerca di alcune persone capaci e volenterosi per fondare una sede regionale in Lazio con nomina di un coordinatore regionale dell’Ans. Chi è interessato alla mia proposta basta inviare all’email qui sopra la candidatura: i requisiti fondamentali sono, la piena condivisibilità e comunione all’Ans, serietà e onestà, pieno di risorse e simpatia con tutte le persone di buona volontà! Da parte nostra non mancherà di fornire tutti gli appoggi con i protocolli d’intesa con tutti gli enti pubblici e privati…provare per credere! 🙂