L’Ikea non consegna i letti: 8 disabili saranno costretti a dormire per terra

0
759 Numero visite

I ragazzi disabili saranno costretti per le prime notti a dormire per terra, oppure dovranno essere accompagnati a casa la sera: nel nuovo appartamento protetto allestito dall’Anfass in via delle Filande a San Giacomo di Veglia di Vittorio Veneto, infatti, mancano ancora i letti. L’Ikea di Padova, dove erano stati acquistati, non li ha consegnati, e sembrano essere andati persi. Per otto ragazzi con varie disabilità, da domani, data fissata per il loro ingresso nell’appartamento, sarà una prima esperienza di vita autonoma, ma monca.

di Fulvio Fioretti

[Max 2 Col] Oggetto: Fw: ikea disabili lip - Allegato:vuota.jpg
[Max 2 Col] Oggetto: Fw: ikea disabili lip – Allegato:vuota.jpg
La presidente dell’Anffas, Renata Da Re, ha un diavolo per capello. Lei stessa, con un gruppo di mamme che da un anno lavorano alla realizzazione di questo progetto, lo scorso 11 novembre, si è recata all’Ikea per acquistare l’arredamento. I letti e un divano letto erano impossibili da trasportare, ma li hanno acquistati e pagati, compreso il trasporto. La consegna però, fissata per sabato 6 dicembre tra le 5 e le 23, è stata disattesa. «Non è avvenuta la consegna e non c’è stata alcuna comunicazione telefonica – dice la presidente – e ho avuto davvero grandi difficoltà a comunicare con Ikea. I contatti, non solo telefonici, visto che mi sono recata di persona a Padova, sono stati inconcludenti: nessuno sa niente. Ad oggi nessuno ha telefonato, i ragazzi dormiranno per terra».

L’Ikea afferma di non riuscire a contattare gli spedizionieri che hanno già ritirato la merce il 13 novembre. Ma nel frattempo otto persone con disabilità sia motoria che intellettiva dovranno dormire per terra o iniziare una nuova esperienza a metà. «Tutto questo è inaccettabile, incomprensibile e solleva molti interrogativi – dice la presidente dell’Anfass – mi chiedo se l’Ikea, sapendo che i letti servono per un appartamento protetto, non avesse ritenuto doveroso provvedere a riorganizzare la consegna in tempo utile». Oggi intanto i ragazzi con due operatori, si insedieranno nel nuovo appartamento, che sarà inaugurato il prossimo 19 dicembre.

http://www.ilgazzettino.it

Newsletter