E’ morto don Antonino Leonelli, tra i fondatori di Nostro Tempo

0
759 Numero visite

E’ morto ieri don Antonino Leonelli, sacerdote, storico, uomo di cultura, molto  conosciuto ed amato in città. Nato a Modena nel  1924, don Antonino fu ordinato sacerdote il 12 giugno  1947.

Don-LeonelliFu vicarip parrocchiale a Campogalliano  fino  al 1950, e  poi  in Duomo  fino al ’54.  Ha ricoperto numerosi incarichi diocesani, fu assistente dei maestri cattolici (dal ’54 al ’78), segretario   dell’ufficio beni Ecclesiastici ( dal ’57 al ’63), assistente della Gioventù Femminile di Azione Cattolica, dell aProtezione della Giovane dell’Unitalsi, dei Convegni Venerabile Maria Cristina, dell’Apostolato della preghiera.  Nella sua carriera scolastica, è stato docente di storia e filosofia nelle scuole statali  dal ’57 all’85, fu anche  preside; dall’85 al ’90  fu inoltre preside della scuola diocesana “Card. G. Morone”.  E’ stato anche direttore dell’Istituto delle Figlie della Divina provvidenza per le sordomute,  Canonico del Capitolo metropolitano, Cappellano magistrale del Sovrano Militare Ordine di Malta; collaboratore nella parrocchia cittadina di San Pio X.

Autore di numerosi  testi, di spiritualità, riflessioni, storia locale, destinati  sia agli adulti che ai ragazzi, su don Fabriani, la scuola “Tommaso Pellegrini”, Modena e le sue chiese,  don Antonino fu tra uno de tre autori redattori  della preziosa “Storia dell’Arcidiocesi  di Modena-Nonantola”, con Barbieri e Montanari; fu uno dei  fondatori del settimanale diocesano Nostro Tempo, con il quale ha collaborato a lungo.

Un libro tra tutti, un titolo esemplare: “Se torno a nascere, torno a farmi prete”, una vocazione accolta e vissuta appieno, da uomo  di Dio, appassionato di  cultura e della sua città.

I funerali saranno celebrati venerdì 17 luglio  alle  ore 9 in Cattedrale.

Don Leonelli scriveva, nel  2007, in occasione del  cinquantesimo  di  fondazione di Nostro Tempo, ricordando  la perplessità di mons. Amici, al suo  arrivo a Modena, per la  mancanza di un settimanale diocesano: ” Il 28 settembre di quello stesso anno  (1957) venne alla luce il nuovo settimanale modenese, col titolo di Nostro Tempo. Si trattava di un unico foglio, delle stesse dimensioni del quotidiano bolognese, e usciva di sabato, come appendice dell’Avvenire d’Italia. La redazione si riuniva in arcivescovado, ma il lavoro vero e proprio veniva eseguito presso la sede del quotidiano, che era, allora, in corso Canalgrande n. 49, al secondo piano, sopra la “Standa”.

Due sole pagine, dunque: in quel numero iniziale comparivano le firme dei primi redattori, Nelio Bertazzoni (che fungeva da direttore, anche se il responsabile era A. S. Ori), il benedettino don Giovanni Castagna, don Antonino Leonelli e don Eligio Venturelli; altri redattori erano Giacomo Ravazzini, don Casimiro Bettelli, Franco Mantovi, Nazario Boschini”.

http://www.bologna2000.com

Newsletter