Lo sport estremo si fa sexy

0
1.225 Numero visite

Sono sempre di più le splendide ragazze che decidono di sfidare i propri limiti e le leggi della fisica, senza mai rinunciare a un tocco di fascino. E non mancano le italiane.

n4UMQb3oWjoXAfgQMvBk8IzZyB68A8v8DlYbuUfQTjEtINHYKq2--

Terra promessa delle belle surfiste sono però le Hawaii. Qui, a Oahu, è cresciuta Anastasia Ashley, professionista della tavola che però non disdegna le pose sensuali su Instagram: il numero dei suoi followers è vicino ai 450mila.

Anche un’altra delle surfers più note al mondo, la 24enne Alana Blanchard, è originaria delle Hawaii. Vanta 16 titoli, ma anche una propria linea di bikini, tanti servizi fotografici e un reality show personale. E non ci si deve dimenticare di Monyca Eleogram, 24enne nata nel mondo dell’atletica e poi passata alla tavola da surf. ‘Instagram addicted’, si disegna da sola i propri bikini.

C’è poi Hannah Whiteley, splendida bionda che vinse 15enne il British Amateur Championship Kite. Un record di precocità. Da allora ha mietuto una vittoria dopo l’altra, anche nel cuore dei fans.

Anche negli sport invernali, però, le splendide ragazze abbondano. A partire da Anaïs Caradeux, francese di 23 anni, speranza transalpina dell’half pipe dal lontano 2005. Ora Anaïs sta iniziando ad affermarsi anche nel circuito internazionale, anche per la sua avvenenza. C’è poi Nicola Butler, che si autodefinisce ‘giovane, libera e selvaggia’: lei ha scelto il wakeboard, sport che unisce sci nautico e snowboard.

Fino a Sochi è arrivata Keri Herman, che ha iniziato in tenera età come giocatrice di hockey su ghiaccio, salvo convertirsi presto agli sci. Specializzata nello slopestyle, in questa disciplina ha partecipato ai Giochi invernali. Dove un giorno spera di arrivare la ‘nostrana’ Maria Delfina ‘Bibi’ Maiocco, speranza rosa nel mondo del freestyle. Lo snowboard italiano punta molto su di lei per i prossimi anni.

E non mancano le incursioni rosa nel mondo dei motori: Alessandra Neri, forlivese classe 1988, oltre a essere una modella dall’indubbio fascino, pilota bolidi da 300 km/h nel Gran Turismo, come Ferrari, Porsche e McLaren. E c’è poi da raccontare la bella storia di Ashley Fiolek: sordomuta dalla nascita, i genitori le comprarono una minimoto a 3 anni. Così oggi è diventata una stellina del motocross.

Lo sport estremo si fa sexy

http://www.gazzettadiparma.it/

Newsletter