Indennità da ciechi ma solo ipovedenti

0
1.142 Numero visite

Gdf denuncia a Terni un 78enne e una 50enne per truffa

251ee89eAll’Inps risultavano ciechi assoluti, percependo per questo oltre 800 euro mensili di indennità di accompagnamento: la guardia di finanza li ha scoperti a muoversi autonomamente e senza difficoltà, e per questo un pensionato di 78 anni e una dipendente pubblica di 50 sono denunciati a Terni dal nucleo di polizia tributaria della Gdf per truffa aggravata.

Entrambi – ha riferito stamani la Gdf – sono ipovedenti ma comunque in grado di condurre, secondo i finanzieri, una normale vita quotidiana. Nei confronti dei due – è stato riferito stamani dal comandante provinciale della Gdf, Amedeo Farruggio, e dal comandante del nucleo, Fabrizio Marchetti – è stato emesso dal gip Maurizio Santoloci un decreto di sequestro delle somme indebitamente percepite, circa 100 mila euro complessivi, mentre l’Inps ha bloccato le erogazioni a loro favore.

L’operazione “Miracolo” (così la Gdf ha denominato l’indagine) ha permesso di appurare, tramite foto e filmati, che i due, nonostante l’invalidità civile per cecità assoluta che era stata loro riconosciuta, riuscivano a muoversi all’aperto e da soli anche in ambienti non conosciuti. I finanzieri hanno infatti accertato che i due erano in grado, tra le altre cose, di attraversare la strada senza nessun aiuto, leggere l’orario da un orologio da polso, fare la spesa al supermercato scegliendo con cura la merce dagli scaffali e consultando l’etichetta. L’anziano avrebbe anche utilizzato la bicicletta per spostarsi in città. Sono in corso accertamenti sull’ipotesi che al momento del riconoscimento dell’invalidità totale ci sia stata complicità da parte di altre persone.

http://www.ansa.it/

Notizie via email