Le miserie dei soliti “noti” ed i vantaggi degli insoliti “privilegiati”!

0
1.171 Numero visite

Le problematiche dell’economia e della vita sociale italiana, malgrado che ci inducono intensamente a pensare essere piene di saggezza, si intrecciano, si sovrappongono, si distanziano, si dilatano, si divaricano ogni giorno in questo nostro Paese sempre più “terra di conquista” .

Miseria umana
Miseria umana

In questa atmosfera di sordide vicende sorgono :

mani che si “protendono” a riempirsi di tutto ,

mani che “pretendono” di essere legalizzate nel gesto possessivo ,

mani “arraffanti” che raschiano il fondo della cassaforte ripulendola ,

mani , inimmaginabili, ma che possono compiere quei “ disastri “.

 

A noi quali spettatori, succubi, passivi, inermi: quale speranza rimane nel vedere un accanito corporativismo che riempie quelle mani che si “dicono” strenue difensive di quei interessi individuali in cui sembra smarrirsi il senso del bene comune ?

E’ prioritario e necessario considerare prima della probabile fine della 17° Legislatura :

1.) quella degli onesti cittadini, sottoposti a rinunce ed a sacrifici, pensando :

 

 ai padri di famiglia costretti sempre più ad escogitare come far quadrare il bilancio familiare ;

alle donne che subiscono stupri, molto ricorrenti, mostruose azioni che offendono la dignità della persona; al bullismo di moda ed alle forme di relativismo ormai imperanti ;

alla violenza sui bambini, sugli anziani, sui disabili ;

alla aggressività tra consanguinei dove spesso ci scappa il morto, episodi che spesso derivano da menti, non solo perverse, ma psichicamente instabili ;

ai giovani in cerca di occupazione che sperano nel “miracolo” e sono presi sempre in giro ;

alle Forze dell’Ordine che ogni momento rischiano la vita per la difesa dei cittadini ;

al contribuente, “beffato” con arroganza, non trova riscontri nei servizi sociali essenziali ;

alle provvidenze economiche per ciechi, sordi, sordomuti che sopravvivono con euro mediamente di 275,87 al mese,( una autentica vergogna !) ;

ad una migliore televisione pubblica che non impartisca lezioni di violenze e di turpiloqui ;

ai cittadini entrati negli ospedali da “sani” escono “minati” a causa di negligenze;

alle persone anziane che non potendo andare in “gabbie dorate”, per la mancanza di dignitose Case di Riposo,”soffrono” e consumano in solitudine i tempi della loro vita e della loro disperazione emarginati ;

ai cittadini onesti che in tutti i settori della vita e del disagio umano sopportano sacrifici a causa di una carente politica sociale;

all’insicurezza nelle case, nelle abitazioni, nei posti di divertimento, nelle strade delle n/città ;

alle numerose “morti bianche” sul lavoro ancora numerose ;

alla dilagante corruzione, concussione ed altri reati che opprimono il n/s Paese ;

alla gente che “vive l’emergenza spazzatura”.

ai circa 2.615.000 cittadini italiani con disabilità fisica;

ai circa 10 milioni di cittadini italiani handicappati psichici ( sofferenti dalla depressione alla schizofrenia) alle loro famiglie che da oltre 30 anni attendono provvedimenti legislativi di riordino dell’assistenza psichiatrica ! ;

alle 2000/3000 famiglie che “tengono” parenti in stato vegetativo, una priorità grave ed urgente che necessita di provvedimenti rapidi, mirati ed efficaci ! ;

al “segreto bancario” violato che ha fatto perdere libertà del cittadino onesto ;

alle tante, molte, urgenti necessità che non citiamo, ma che comunque non trovano sostegno e considerazione da parte delle Istituzioni .

2.) Quella del “solito” manipolo di “rappresentanti del popolo” ricordandoli quali:

difensori strenui dei loro diritti e dei tanti privilegi, concentrati a ricercare gli errori del passato, ad esaltare le proprie “gesta”, a denunciare le responsabilità individuali e collettive degli altri per trovare una plausibile ragione al loro “essere”, al loro “avere” in nome di una giustizia, a volte ingiusta, diramando una illusione di “progresso”, di “cambiamento”, di “riforme” ;

“nominati” dai vertici dei Partiti e dei Movimenti che hanno varcato per la prima volta i portoni dei “palazzi” della politica, “ricche miniere” di ogni possibilità (ivi comprese le scandalose “buone uscite” e le ricche pensioni !!! ) ;

ed altri privilegi ! ( chi sa quante altri ve ne sono !).

Con queste prospettive è un utopia la riforma dello Stato Sociale, ormai prioritaria pressante ed urgente che rischia di apparire una “beffa” legalizzata, un “gabbare” il popolo, un insultare il cittadino, perché sarebbero sempre i “soliti noti a pagare”,gli “insoliti privilegiati a beneficiare” !

E’ incomprensibile, ingiustificabile e di infinita tristezza che malgrado manovre e manovrine, malgrado evidenti sperperi degli Enti Pubblici, si continui a chiedere sacrifici e rinunce ai cittadini, ai deboli, a quelli indifesi, a quelli di reddito medio basso “vittime” di uno Stato famelico, che lascia illeso l’egoismo nei soliti “coloro” e fiorire ingordigia nei “ neo nominati” !

Ma durerà la pazienza ? e l’esasperazione potrebbe suscitare principi di “nervosismo popolare” ?

Occorre, ridare ai valori etici e sociali il loro primario significato, occorre ridare ai singoli individui dignità, umanità e fiducia, esigenze fondamentali della civiltà perché “i valori della vita non possono essere dipendenti dalle mode o dalla politica” ( come disse nella Udienza Generale il Santo Padre Ratzingher in Piazza S.Pietro 17 ottobre 2007) e come dice Papa Francesco un “ vero papà “ dei poveri e degli emarginati !

Ancora una volta la n/s Associazione è molto preoccupata e cerca di interpretare l’opinione pubblica nell’evidenziare la mancanza di sostenibilità finanziaria dei servizi pubblici inerenti il problema del disagio, soprattutto di quello psico-fisico.

Nel dibattito in Parlamento sulla legge finanziaria, nessuno ( ivi compreso quelli che dicono di difendere la famiglia !) ha riconosciuta l’urgenza di interventi legislativi e finanziari nei confronti dei circa 10 milioni di cittadini affetti da disturbi psichiatrici di natura ed intensità diversa, colpiti da forme di depressione o da schizofrenia, o dei 3 milioni persone colpite nelle loro forze fisiche, dei quali circa 60 mila persone sotto i 65 anni sono in sedia a rotelle, le persone anziane con più di 65 anni che sono il 15% della popolazione e nel 2025 saranno il 25% che costituiscono una grave emergenza sociale e significativa è ancora la carenza di normative sull’abbattimento delle barriere architettoniche nelle moderne città italiane e nei paesi .

Ma la grande preoccupazione di molti genitori con figli handicappati resta quella di chi si occuperà di loro quando resteranno soli, come sosteniamo con il “Dopodinoi” che abbiamo “immaginato” e “proposto” al Parlamento Italiano ed Europeo con la n/s Petizione n.31 ( posizione n.5 ) assegnata alla 12° Commissione Affari Sociali della Camera dei Deputati e col n.307 ( posizione n.5 ) e 308 assegnate alla 12° Commissione Igiene e Sanità del Senato della Repubblica .

Signor Presidente del Consiglio dei Ministri , nella enfatica affannosa ricerca del risparmio, nella eliminazione delle spese inutili, nel risanamento della spesa pubblica, perché non far rientrare le sovvenzioni ai Partiti ( dove ogni giorno ne nasce uno nuovo!) che godono di un abbondante finanziamento pubblico nonostante il referendum abrogativo del 1993; evitare viaggi all’estero, spese militari; telefonini di Stato; auto blu; parate militari ; Festa per l’Unità d’Italia che è costata circa 800 milioni di euro ( salvo errori od omissione) ; feste di qualunque genere ed in ogni dove che “mangiano soldi” ai bilanci pubblici ( alla faccia del risparmio !) .

E nella ricerca dell’evasione fiscale, ( il criterio fondamentale al quale deve ispirarsi deve essere sempre l’osservanza dell’art.53 della n/s Costituzione dove “ Tutti sono tenuti a concorrere alle spese pubbliche in ragione della loro capacità contributiva “), accertare veramente se quelle “barche”, “barchette”, “gusci a motore”, a vela”, “legni galleggianti” velieri, motoscafi, parcheggiati nei porti turistici od altre sedi, sono in regola con il Fisco, ( su 7.500 Kilometri di coste in Italia, sono 147.000 i posti “barca”( da Bliz Quotidiano 11 agosto 2010) compresi gli ingaggi ai giocatori di calcio,( un affronto alla vera miseria ) ciclisti ed altre categorie sportive, verificare i “comportamenti” delle società di calcio (dalle spese pazze che umiliano la dignità della persona), dei cantanti, attori, presentatori, politici, manager dello Stato ??? etc.etc.etc.

Ma, poi, chi controlla i controllori?

E ho detto poco!, perché nel il risanamento della spesa pubblica deve prevalere la giustizia che è uguale per tutti, specie per la politica, dove sarebbe molto opportuno ed umano non dico abolire, ma ridimensionare i privilegi della “casta”, anche di quella che dice di difendere il popolo !

Stando così le cose, Signor Presidente del Consiglio dei Ministri, Signori della Politica a n/s sommesso avviso un simile andazzo alimenta ancor più la disaffezione del cittadino verso la politica e verso i politici, perché è indiscutibile che i Partiti o Movimenti, che rappresentano il viatico della democrazia, comunque sono “dotati” di privilegi, di clientele da soddisfare, ma di infiniti sprechi!

Signor Presidente del Consiglio, il popolo della sofferenza vorrebbe conoscere :

perché non ha trovato i “fondi” per attivare quegli strumenti tecnici per abbattere le molte barriere fisiche e psicologiche atte a permettere l’integrazione dei disabili nella società affinché siano in grado di assicurare un livello di indipendenza e sicurezza; perché non ha trovato i “fondi” per programmare quelle strutture per gli handicappati psichici che attendono una soluzione socio-legislativa da ben 34 anni, invece di fare leggi sulla vivisezione sicuramente necessaria, ma non urgente ed “ignorare” i provvedimenti per le persone emarginate ?

Purtroppo l’Italia non ha una politica rivolta alla famiglia, compresa quella dove esistono persone con disabilità psico-fisica !

Ma quale supporto specifico è stato previsto per sostenere le famiglie che si trovano in tali disagi, sapendo che le provvidenze economiche per invalidi civili, ciechi civili, sordomuti, handicappati psichici con importi e limiti di reddito da terzo mondo collegati agli indicatori dell’inflazione e del costo della vita, ripeto, che percepiscono mediamente la somma di 275,87 euro mensili ? (Aggiornamento approvato dalla Direzione Centrale delle Prestazioni dell’INPS con Circolare n. 149 del 28 dicembre 2012 ).

Le “necessità” di questi cittadini sono quotidiane ed infinite, normalmente risolte con ampie parole di solidarietà esteriore, anche da parte della politica, che non portano alcun beneficio alla loro vita.

Signor Presidente del Consiglio dei Ministri : viene da chiederci e chiedere, senza la presunzione di rilievo contenzioso : fino a che punto è stata capita la “loro” situazione e se crede essere vergognoso tutto ciò ? Troverà il tempo di rispondere ?

Quasi ogni giorno sentiamo nelle dichiarazioni di tutti i politici ( e della “politica litigiosa” ), solo vane ed inutili parole che contrastano con la situazione d’ingiustizia pubblica quale attualmente è in atto e che minaccia sempre più il valore ed il diritto umano delle “persone disabili” ritenute un peso morto per la società!.

Attendiamo con fiducia un concreto ottimistico impegno, una ennesima e rinnovata risposta da parte Sua e del Suo Governo, perché fin’ora siamo rimasti delusi ! Molto delusi !

Il mondo cattolico e della sofferenza guarda ed attende !

Anche se riconosciamo che problemi che “pesano” sul Governo sono urgenti ed innumerevoli, certamente non aneliamo in un miracolo, ma confidiamo, se non tutti, che buona parte di questi “problemi” possano essere risolti ed in primis, le necessità dei disabili fisici e la riforma delle assistenza psichiatrica, quest’ultima, che attende, ripeto, una soluzione concreta da ben 34 anni!

Una vergognosa situazione!

 

Grazie .

Previte

http://digilander.libero.it/cristianiperservire

 

Newsletter