Napoli. Clinica degli orrori a Meta, 37 disabili segregati

0
1.029 Numero visite

Una donna trovata rinchiusa a chiave all’interno di un bagno, letteralmente immersa negli escrementi. un arresto

120218396-8106f13e-9f67-4427-8c07-cfd01ed4bb16Blitz dei militari del Nas dei carabinieri di Napoli la scorsa notte in una residenza socio sanitaria a Meta nella quale 37 disabili erano tenuti segregati in condizioni di profondo degrado. I carabinieri hanno arrestato un operatore, M.V.
41enne, in servizio notturno, per sequestro di persona, maltrattamenti e abbandono di persona incapace.

Al momento dell’irruzione dei militari del Nas, i disabili sono stati trovati, nella maggior parte dei casi, senza indumenti. I pazienti, uomini e donne in totale promiscuità, erano abbandonati a se stessi.

Una donna è stata trovata rinchiusa a chiave all’interno di un bagno, letteralmente immersa negli escrementi, al buio. La struttura è stata sequestrata per gravi carenze igienico-sanitarie-strutturali; sottoposte a sequestro anche numerose confezioni di farmaci scaduti. Il valore complessivo della clinica ammonta a 2milioni di euro mentre quello dei farmaci a 500 euro circa.

Sono stati, inoltre, segnalati all’autorità giudiziaria il legale rappresentante, G.A. sessantenne di Cava dei Tirreni, e il direttore sanitario della residenza sanitaria per concorso nei reati di maltrattamento e abbandono di incapace. I 37 ospiti permarranno temporaneamente presso la struttura in attesa che l’autorità giudiziaria competente detti le modalità di sgombero d’intesa con l’autorità sanitaria locale.

http://napoli.repubblica.it/

Newsletter