Depressione: Patologia che miete vittime innocenti!

0
831 Numero visite

Troppe vittime innocenti miete la depressione : è, purtroppo, una patologia che affligge milioni di persone in Italia. Secondo l’ANSA sarebbero almeno di 5000/7000 Operatori Sanitari che mancano ( Ansa R CRO SOB4 R46 INT QBXB 4.12. 2004 ), mentre la depressione è l’espressione grave ed urgente che insiste : una malattia considerata di una futura priorità mondiale.

Ed ancora secondo l’ANSA i Dipartimenti Salute Mentale, per i diversi tipi di patologie psichiatriche, sono presenti in tutta Italia, ma con diversità nelle Regioni, quest’ultime al di sotto degli standard obiettivi, mentre i posti letto in strutture pubbliche sono più numerosi al nord, mentre le strutture residenziali hanno operatori in numero di circa 30.700, di cui il 48% infermieri ed il 18% medici e sono sufficienti in Liguria, Toscana, Trento e Bolzano . Secondo DATAMEDIA nella fascia tra i 15 ed i 17 anni il 27,5% dichiara di avere esperienze di depressione, il 62,5% di sentirsi depresso qualche volta, mentre la depressione interessa un numero sempre più crescente di adulti, il 44,6% la considera una vera e propria malattia.

In Italia, secondo notizie dei mass media, scarseggia la possibilità per far uscire da quel tunnel tenebroso questi sofferenti, anche con altre patologie, in quanto sussiste una grave carenza di Iniziative Legislative in favore dell’Assistenza Psichiatrica da ben 40 anni, dei quali la depressione è l’espressione insorgente, l’emblema, l’urgenza, grave, prioritaria . La depressione da molti ritenuto, il “male oscuro”, comporta disturbi del tono dell’umore, distrugge il morale, lo spirito della persona, ma soprattutto sta mietendo vittime innocenti nella nostra società ed è il “volano” di quanto avviene quasi quotidianamente dove una madre ucciso il proprio figli, lo tiene in braccio, quasi a cullare una innocente vittima dopo l’incolpevole feroce delitto, pare, derivante da crisi depressive

In occasione del Global Mental Health Summit svoltasi non molto tempo addietro ad Atene l’Organizzazione Mondiale Sanità considera la depressione la seconda patologia  al mondo e prevede che nei prossimi 20 anni la depressione sarà tra i problemi di salute più diffusi al mondo, dove vivono 450 milioni di persone con questa patologia ed i Paesi in via di sviluppo dedicano poche risorse alla soluzione, a volte meno del 2% del budget pubblico. Secondo Shekhar Saxena del Dipartimento di Salute Mentale dell’OMS “la depressione è molto più comune rispetto a malattie temute come l’Aids o il cancro ed entro il 2030 sarà il problema principale da affrontare per i Sistemi Sanitari del mondo ” Un’epidemia silenziosa, alla quale si dovrebbe porre in Bilancio le giuste risorse, tenendo conto “che molte altre patologie sono, in proporzione, in calo in tutto il mondo” conclude l’esperta.

Dobbiamo osservare con rammarico quanto sta avvenendo in particolare in questi giorni in Italia dove madri uccidono i propri figli, mariti uccidono le mogli, mogli che uccidono i mariti, figli che uccidono i genitori, compagne che uccidono i compagni, situazioni derivanti da crisi depressive secondo il mondo scientifico. In genere queste “persone” vengono “piantonate” dalle Forze di Polizia in qualche Reparto di Psichiatrica negli Enti Ospedalieri, dove insistono ed esistono, poi ricoverate in quelli Privati Convenzionati, i quali non solo contrastano con la legge sulle malattie mentali, ma configgono addirittura con i dettami della Carta Costituzionale.

Persone depressive ricoverate nei Reparti Ospedalieri, ai quali dopo qualche pillola vengono dimesse e così finisce, ancora una volta, il rituale eclatante episodio di Sanità malata. A questo proposito dobbiamo sperare, visto il disinteresse della Politica, che il “problema” di paradossale degrado, susciti l’interesse di qualche solerte Procura delle Repubblica o l’intervento della Corte dei Conti su una situazione così “ balorda ” che costituisce, anche, una lesione allo spirito di solidarietà e di altruismo della pubblica opinione.

Dobbiamo aprire una parentesi e considerare che se i compiti dei NAS dei Carabinieri sono indirizzati alla tutela dei diritti e della dignità dei “malati”, come è avvenuto fin oggi 2018, allora la Benemerita svolge un’opera meritoria, umanitaria di garanzia giuridica e di “spinta” per la soluzione del gravissimo problema dei disagiati psico-fisici. La depressione colpisce in età giovanile tra i 18 anni ed i 30 ed il fenomeno acquista il carattere di vera e propria calamità sociale. Gli psichiatri dicono che spesso non è facile distinguere la semplice demoralizzazione da una condizione patologica, ma pare che a ciò vada incontro il 15% di uomini ed il 25% le donne.

Quindi una malattia da non confondere con i banali e transitori rilassamenti dell’umore. La depressione grave, dopo l’accertamento terapeutico, diventa difficile perché le funzioni psichiche sono limitate. Secondo le stime recenti il 15% dei depressi si suicida. La malattia si può curare con farmaci, come afferma il mondo scientifico, per fare in modo che la persona recuperi la capacità di comunicazione necessaria per intraprendere una psicoterapia. Questa ultima tende ad ottenere una riattivazione del pensiero e la correzione di atteggiamenti mentali negativi, cosa che avviene principalmente tra paziente e terapeuta, mentre la depressione interessa un numero sempre più crescente di adulti, il 44,6% la considera una vera e propria malattia. Gli psichiatri dicono che spesso non è facile distinguere la semplice demoralizzazione da una condizione patologica, ma pare che a ciò vada incontro il 15% di uomini ed il 25% le donne, quindi una malattia da non confondere con i banali e transitori rilassamenti dell’umore, mentre la depressione grave, dopo l’accertamento terapeutico, diventa difficile perché le funzioni psichiche sono limitate.

La malattia si può curare con farmaci, come afferma il mondo scientifico, per fare in modo che la persona recuperi la capacità di comunicazione necessaria per intraprendere una psicoterapia, dove questa ultima tende ad ottenere una riattivazione del pensiero e la correzione di atteggiamenti mentali negativi, cosa che avviene principalmente tra paziente e terapeuta.

Il disagio psichico è circondato da una coltre di silenzi e disinteressi, anzi da una congiura del silenzio, dove le parole non servono : ci vogliono i fatti, cari amici della Politica col P maiuscolo come dice Papa Francesco, per non “sentire” ancora una volta come si uccidono persone innocenti da parte di persone incolpevoli !

Previte

http://digilander.libero.it/cristianiperservire

La nostra Associazione per la promozione sociale costituita nel maggio del 1994 non ha richiesto nè gode di contributi economico-finanziari palesi od occulti.

Newsletter