Disabilità uditiva: in II commissione discussione della proposta di legge

0
263 Numero visite
PUBBLICITA

“Oltre alle barriere architettoniche nella nostra società abbiamo tante altre barriere da rimuovere come ad esempio quelle sensoriali e comunicative! – commenta Dario Giagoni, segretario regionale Lega Sardegna per Salvini Premier e primo firmatario della proposta discussa oggi in seconda commissione inerente la disabilità uditiva – L’art.3 della Costituzione italiana rimarca l’importanza di rimuovere ogni ostacolo, economico e sociale, che impediscono la libertà e l’uguaglianza dei cittadini, ma sino a quando le persone con disabilità vedranno preclusa la possibilità di essere  parte attiva della società questo principio verrà meno.

PUBBLICITA

di La Redazione Serena

Con l’approvazione di questa nuova norma miriamo a promuovere una diversa cultura della disabilità intesa non solo come problematica, ma come diversità che può diventare ricchezza. Oggi attraverso la Lis e la List restituiamo la possibilità a tante persone di esercitare il diritto di essere parte attiva del tessuto sociale.

In fase di stesura della proposta da noi depositata ho avuto modo di confrontarmi con l’Ente Nazionale Sordi – Onlus Sardegna e una cosa mi ha profondamente colpito durante questi colloqui: il forte desiderio di ognuno di loro alla quotidianità.

Stiamo parlando di uomini e donne che hanno lavoro, figli, mogli, mariti, che hanno conseguito dei titoli di studio importanti, persone che contribuiscono al miglioramento della vita sociale con le risorse a loro disposizione ma poi si vedono escluse, tagliate fuori o, ancor peggio, costrette a ricorrere a interventi di terzi anche per le cose più banali.

Queste persone chiedono dignità, chiedono di poter fruire delle informazioni, di vivere la vita politica e culturale come ognuno di noi. È un nostro dovere far si che questo avvenga, un nostro preciso dovere far si che ogni individuo sia reale partecipe della vita collettiva, perché le barriere son da sempre fatte per essere abbattute… – prosegue il leghiste – La proposta del Gruppo Lega verrà ora unità a quelle presentate da altri Gruppi consiliari e siamo pronti a collaborare con le varia associazioni affinché sia realmente rispondente alle esigenze di chi per troppo tempo ha chiesto un’attenzione ingiustamente negata dalle istituzioni.”

“L’abbattimento delle barriere comunicative è indispensabile in una società che vuole definirsi realmente inclusiva e moderna. Chiederemo che il Testo Unificato che sarà realizzato dall’Unione delle varie proposte di legge venga licenziato in Consiglio il prima possibile dopo l’esame nel parlamentino.”

Afferma il capogruppo in Consiglio Regionale Pierluigi Saiu

 

Notizia