Bonus vacanze per disabili 2023: tutte le agevolazioni per i titolari della Legge 104

Sei titolare della Legge 104? Ecco tutte le agevolazioni e i bonus vacanze per disabili che puoi sfruttare nel 2023 per risparmiare sulle spese dei tuoi prossimi viaggi

0
192 Numero visite
PUBBLICITA

di Laura Pellegrini

PUBBLICITA

I cittadini titolari della Legge 104 hanno diritto a una serie di agevolazioni non solo sui viaggi, ma anche sull’acquisto di automobili, sul trasporto con i mezzi pubblici, su prodotti editoriali e possono richiedere numerosi esoneri dal pagamento di alcune tasse (per esempio il bollo auto).

Ma quali sono i bonus vacanze per i disabili 2023 che può sfruttare un cittadino titolare della Legge 104? Oltre al bando annuale dell’INPS, esistono numerosi sconti che possono far risparmiare sulle spese di viaggio.

Le agevolazioni attive a livello nazionale, regionale o comunale sono tantissime: vediamo un elenco completo degli aiuti e come richiederli.

INPS, bonus vacanze disabili 2023: come funziona

L’unico vero e proprio bonus vacanze per i disabili che si potrà richiedere anche per l’estate 2023 è il bando pubblicato dall’INPS all’inizio della stagione.

Il riferimento è al bando “Estate INPSieme Senior”, che prevede l’assegnazione di contributi economici da sfruttare per la prenotazione di soggiorno turistici per anziani, con i propri coniugi ed eventuali figli disabili.

L’importo del contributo INPS per le vacanze con i disabili e i relativi accompagnatori è variabile in base all’ISEE. Per esempio:

  • coloro che possiedono un reddito sopra i 72.000 euro hanno ottenuto un contributo pari a 800 euro;

  • chi possedeva un reddito inferiore a 8.000 euro ha avuto modo di ricevere un bonus vacanze da 1.400 euro.

Grazie a questo bonus vacanze INPS, anche i disabili e le loro famiglie hanno potuto godersi le vacanze presso località montane, marine, termali e culturali.

Il bando INPS, comunque, prevede la prenotazione del soggiorno tra i mesi di luglio e ottobre con rientro tassativamente entro l’1 novembre 2022.

Bonus vacanze per disabili: quali sono le agevolazioni per il trasporto pubblico

Ci sono poi numerose agevolazioni statali per i disabili che decidono di viaggiare sui mezzi pubblici, per esempio su treni, aerei, e non solo. Oltre al bonus trasporti confermato dal Governo Meloni, ci sono altrettante agevolazioni che non tutti conoscono.

Carta Blu Trenitalia per i disabili

Trenitalia mette a disposizione una Carta Blu che tutte le persone titolari della Legge 104 o dell’indennità di accompagnamento possono richiedere per ottenere degli sconti e dei vantaggi sui viaggi con il trasporto ferroviario.

Infatti, grazie alla Carta Blu si può acquistare un biglietto per viaggiare in treno a prezzo intero valido sia per la persona disabile, sia per il suo accompagnatore. Inoltre, è prevista l’assistenza gratuita presso le stazioni per la salita o discesa, i bagagli, gli elevatori, ecc.

Il rilascio è assolutamente gratuito e avviene presso le apposite “Sale Blu” presenti nelle stazioni ferroviarie a livello nazionale. Per richiedere la carta, però, occorre presentare una fotocopia del certificato che attesta il diritto all0indennità di accompagnamento.

Assistenza dedicata per i disabili che viaggiano in aereo

Per i disabili che decidono di viaggiare in aereo, invece, in tutta l’Unione Europea è prevista la possibilità di ottenere l’assistenza dedicata gratuita per l’imbarco, in modo da contrastare le discriminazioni sociali.

Per ottenere l’assistenza, però, il diretto interessato deve presentare l’apposita richiesta entro le 48 ore precedenti l’orario di decollo.

Mezzi pubblici a prezzo ridotto per i disabili

Infine, un’altra agevolazione per i disabili che sfruttano il trasporto pubblico nazionale riguarda gli invalidi civili: questi ultimi possono godere di sconti e tariffe speciali se utilizzano i mezzi di trasporto pubblico.

Per ottenere questa agevolazione, però, occorre attestare a propria invalidità, che deve essere compresa tra il 51% e il 100%. la domanda va presentata presso il proprio Comune di residenza.

Le agevolazioni per disabili previste dalle Regioni e dai Comuni

Esistono poi numerose agevolazioni per i disabili previste dalle singole Regioni o dai Comuni italiani e dedicate proprio all’assistenza e al risparmio sulle spese di viaggio.

Agevolazioni regionali per disabili

In Piemonte, è possibile richiedere la tessera di libera circolazione che permette a tutte le persone disabili, titolari della Legge 104 o indennità di accompagnamento, di viaggiare gratuitamente su tutti i mezzi pubblici della rete regionale.

In Lombardia, invece, sono disponibili abbonamenti a tariffe agevolate grazie all’agevolazione “Io viaggio ovunque in Lombardia agevolata”. Questo abbonamento ha validità annuale e permette di viaggiare su tutti i mezzi della rete regionale, inclusi metropolitana, treni suburbani e regionali, funivie, autobus urbani e interurbani, tram, funicolari e servizi di navigazione.

In Trentino Alto Adige, infine, sono disponibili delle tessere per i disabili con validità fino a 5 anni che consentono di ottenere tariffe agevolate per viaggiare sui mezzi pubblici.

Agevolazioni comunali per disabili

Passando, invece, alle agevolazioni comunali, troviamo l’iniziativa della città di Roma, che consente ai titolari della Legge 104 di ottenere agevolazioni per il trasporto autogestito, individuale o collettivo.

Infine, a Napoli i disabili residenti in città possono viaggiare a titolo gratuito sui taxi per le corse di importo non superiore a 120 euro.

 

Notizia