Sono troppi gli episodi di violenza verso donne inerme

0
1.138 Numero visite
PUBBLICITA

Nel Trentino Alba Chiara Baroni 22 anni è stata uccisa da Mattia Stanga 24 anni : entrambi dovevano andare a convivere.

PUBBLICITA

Ma dove stiamo andando da qualche tempo ? Ancora una volta avvengono casi di femminicidio con estrema frequenza .

Foto da Facebook

La lotta contro la violenza sulle donne, oggi 2017, si è spostata con estrema escalation nelle famiglie, contro i coniugi, conviventi, bambini, disabili, emarginati,  persone indifese .

Le uccisioni e le violenze fisiche sulle donne continuano ogni giorno nel mondo, ma anche nelle nostre città e paesi della nostra bella Italia.

Ci sono troppe donne vittime della cattiveria umana, che subiscono violenze fisiche e verbali tutti i giorni, umiliate, mortificate nella loro dignità dalle calunnie, menzogne degli altri e soprattutto da chi sta loro vicino come il caso del Trentino,  giovani sottomesse da uomini violenti, maneschi, prepotenti, sfruttatori, che le vendono avviandole alla prostituzione, alla vergogna senza libertà, violentate nelle mura domestiche impunite, che nessuno denuncia, dimenticate da tutti, infine donne che vivono con uomini che dicono di amarle e che le usano come oggetti di proprietà sottomettendole ai loro capricci ed ai loro desideri .

Bisogna insegnare a questi uomini e ai ragazzi che lo saranno domani, a rispettare tutte le donne come persone piene di dignità, perché loro sono anche le nostre compagne di scuola, amiche, colleghe, mamme domani, mogli, figlie, nipoti, comunque donne. Perché non riusciamo più a rispettare le donne ?

Anche se l’espressione “dignità umana” è diventata la parola corrente, essa indica l’essere insita nell’uomo il cui fine è la promozione e la difesa della stessa, di ogni uomo, dal concepimento alla morte naturale, promuovendo una cultura della vita che dia un fondamento di amore all’intera società “ per la sua realizzazione nella dignità”, come osserva giustamente Papa Francesco.

La dignità umana : un grande capitale da salvare ! Questa violenza si potrebbe ritenere un disordine della mente, comunque sta offuscando il vivere quotidiano.

Infatti avvengono “fattacci” a danno delle persone in condizione genetica di varie sindrome, di ritardo mentale, di disabilità fisica e di altre inferiorità, ma tutti, esprimono una menomazione funzionale, una infermità, una debolezza .

Ancora una volta un ulteriore caso di violenza sulle donne è accaduto nel Trentino, ma non sarà ultimo se non vengono presi ulteriori seri Provvedimenti Legislativi, d’ordine civile e sanitario e non perdere tempo in diverbi che fanno rabbrividire l’animo umano !

Comunque quei “gesti” non sono la strada sociale che risalta i valori della giustizia, della solidarietà, della equità, delle pari opportunità, “qualità” che dovrebbero guidare il cittadino attento ed onesto, oggi purtroppo, avviato sulla strada dell’egoismo, della permissione più sfrenata, di un relativismo aberrante, di una disonestà imperante, di una basculante disonestà

Anche se l’espressione “dignità umana” è diventata la parola corrente nell’uomo il cui fine è la promozione e la difesa, di ogni uomo, dal concepimento alla morte naturale, promuove una cultura della vita che dia un fondamento di amore all’intera società .

La problematica femminile di difesa, non può essere considerata alla stregua di un appendice di un settore, o rievocazione della sua origine reale, ma deve essere compresa come un modo di continuare a proporre soluzione ai problemi di carattere femminile che tenga sempre conto della specificità dell’essere donna.

L’eliminazione della violenza contro le donne sancisce l’importanza di taluni valori fondamentali etici e sociali da ricordare da chiunque, cristiano o meno, perché dare scandalo è contro il valore della civiltà, è contro la morale e “ contrario al rispetto dell’integrità corporea della persona umana “ ( 477 Compendio Catechismo Chiesa Cattolica) .

In una società violenta come tende divenire la n/s Italia, nella quale ormai ci sentiamo stranieri nella n/s Patria, il rispetto della dignità dell’essere umano soprattutto debole ed indifeso, rischia di sparire letteralmente dalla scena quotidiana, come quello avvenuto in Trentino, non ultimo .

Tutti siamo chiamati a tener viva la coscienza della grandezza e del valore di ogni vita umana e non solo quello della difesa, anche se giusta, dei cani e dei gatti osannati all’eccesso.

La inadeguatezza della normativa esistente, la cui defezione la constatiamo quasi giornalmente, necessita di quella invocata legislazione adeguata ed efficace che una “burocratica lentezza”. Non servono parole altisonanti!

 

Chi di dovere se ne faccia carico e se ne assuma le responsabilità !

E con le sagge parole del Santo Giovanni Paolo II° : “ Andiamo avanti con speranza” !

Previte

http://digilander.libero.it/cristianiperservire

La nostra Associazione per la promozione sociale costituita nel maggio del 1994 non ha richiesto né gode di contributi economico-finanziari palesi od occulti .

Notizia