15 ottobre 2016: Festa dei nonni in Vaticano con Papa Francesco

0
1.491 Numero visite
PUBBLICITA

Per la continua e sempre attenzione, sabato 15 ottobre nell’Aula Paolo VI° quasi 7 mila nonni, spesso emarginati, incontreranno Papa Francesco per celebrare la chiusura della Festa dei Nonni .

PUBBLICITA

Per soffermarsi sulle patologie che affliggono gli anziani interverranno esponenti del mondo sanitario nazionale che aiuteranno a riflettere sulla necessità di un generale miglioramento della qualità della vita e la longevità che insiste, anche, nel mondo della disabilità, della sofferenza, del dolore .

Questo è stato, da tempo, il leitmotiv della n/s Associazione budget del ricoverato e Petizione 2013

anziani1Lasciamo la programmazione di questa ricorrenza ed il suo svolgimento, per ricordare che mentre ogni giorno si disputa, si fanno congetture, si “viaggia” nell’indeciso e si ricerca avidamente il “potere”, i variegati problemi sociali tanto decantati, gravi ed ugualmente urgenti, languono nel nulla da parte della politica, mentre lo Stato Sociale, quello che “deve” essere presente innanzi alle necessità della gente, è assente!

Manca l’impegno ed è carente un’impostazione programmata di quasi tutte le Istituzioni, mentre dalla collettività sale forte, diffusa e decisa la domanda di solidarietà e di giustizia sociale per tutti.

Ancora una volta prendiamo a mo’ di esempio le Case di Riposo usate, spesso, dalla persone sole ed anziane, lasciate alla speculazione privata.

Quale programmazione è stata adottata, quanti Bilanci Pubblici stanziano Risorse Finanziarie per realizzare Case di Riposo ove possono trovare un sereno e sicuro asilo persone anziane che consumano giornalmente i tempi della loro vita e della loro disperazione nella perfetta solitudine, quasi una “strisciante eutanasia” ? Quella solitudine si tramuta in una sintomatologia emotiva che conduce alla depressione : primo disordine funzionale della persona.

Nella meditazione sulla vita Giovanni Paolo II° con la XI° Enciclica “Evangelium vitae” esorta la comunità in difesa della vita “dal concepimento al declino”, richiamo che sempre perviene dalla Sede Apostolica.

La comunità nazionale, al di là di ogni schematismo o credo politico, deve farsi carico della difesa della vita umana e della dignità di ogni cittadino, affinché il fenomeno dell’emarginazione degli anziani, dei disabili, dei malati terminali, non deve avvenire, né essere una situazione da “usare” in maniera “sui generis”.

E’ vero che l’ampiezza e la complessità degli interventi da realizzare richiedono un impegno da parte delle Istituzioni sia sul piano dell’impostazione programmatica che su quello del reperimento delle risorse finanziarie che costano enormi sacrifici al contribuente italiano, ma tuttavia é utile ricordare che questa n/s società è un coperchio strapieno di buchi, che copre molto poco le realtà e le necessità umane. Quante spese inutili assistiamo!!!

Non basta denunciare truffe, sperperi, corruzioni, concussioni od ogni sorta di reati penali, è necessario che il “cambiamento” sia frutto di una riflessione collettiva e non sotto la non impossibile ondata di giustificata protesta popolare.( quella vera!)

Queste terminologie ( troppo inutilmente usate!) se non riconducono all’uomo, sono prive di senso se non valorizzano la dignità umana.

I “cattolici” in particolare quelli che hanno scelto la politica, devono “scegliere” la via migliore nella coerenza, soprattutto, nel sostenere la solidarietà che non è né deve essere quella della superficialità esteriore e delle parole vane ( troppo spesso” usate” in difesa della famiglia, delle persone anziane e di quelle povere ed emarginate!), ma d’impegno e di traino per rimodellare la società secondo valori etici e principi civili ( per non dire cattolici).

Bisogna dare una priorità alle “cose”, rendere giustizia ed accogliere quanto ci dirà Papa Francesco nella Festa dei Nonni

 E con le sagge parole del Santo Giovanni Paolo II° :” Andiamo avanti con speranza “ !

Previte

http://digilander.libero.it/cristianiperservire

La nostra Associazione per la promozione sociale costituita nel maggio del 1994 non ha richiesto nè gode di contributi economico-finanziari palesi od occulti.

PUBBLICITA
Notizia