Grazie a “SciaLis” anche i non udenti possono affrontare slalom e discese

0
213 Numero visite
Pubblicità
A Bielmonte torna il progetto «SciaLis», dedicato a bambini e adulti non udenti.
Nel periodo di carnevale, dal 4 al 9 marzo, sarà proposto il corso per principianti e avanzati, ma il 24 febbraio torna la giornata benefica «SciaLis» con lo slalom amatoriale. «Il corso è alla quarta edizione – spiega Cinzia Bonadeo, che cura il progetto con la Scuola italiana sci Monte Marca -. Siamo riusciti ad avvicinare tanti bambini, giovani e adulti alle discipline sportive invernali. Sicuramente rispetto a quando siamo partiti c’è maggiore sensibilità, sia da parte degli sponsor sia da parte di coloro che prendono parte alla gara benefica». Quest’anno la prova è in calendario il 24 febbraio sempre a Bielmonte e si attende un campione azzurro: il nome più gettonato è quello di Giuliano Razzoli, ma dipenderà dai suoi impegni sportivi. In passato sulle nevi di Bielmonte era arrivato anche Kristian Ghedina per sostenere il progetto. Protagonisti saranno i bambini della scuola dei segni di Cossato e il gruppo Abc, che proporranno durante l’evento una canzone cantata e interpretata con i segni.

Quella del 24 febbraio sarà una giornata a sfondo interamente benefico con il coinvolgimento di persone con disabilità uditiva, dove tutti sono i vincitori senza alcuna distinzione. Per l’occasione raggiungeranno i bambini in pista alcuni atleti della Federazione italiana sci sordi e come ogni anno, a far da padrino, anche un gran campione dello sci.

Pubblicità

Il corso invece si terrà ai primi di marzo. «Saranno prove con una utenza mista – spiega Bonadeo – per favorire anche una maggiore integrazione». In pratica gruppi di sciatori alle prime armi o con esperienza seguiranno le lezioni sulle piste con un maestro di sci affiancato da una interprete della lingua dei segni, che permetterà loro di comprendere meglio gli insegnamenti.

A Bielmonte sciare è un’esperienza unica e per tutti. Ecco perché gli esperti maestri e gli allenatori federali della Scuola italiana sci Monte Marca Bielmonte hanno voluto portare il bilinguismo della lingua dei segni anche sulle piste, creando dei corsi misti per utenti sordi e affiancando al maestro una mediatrice Lis. A Bielmonte si è riusciti a creare un ambiente attento alle esigenze di coloro che hanno un handicap uditivo con personale preparato. Per aderire al corso e allo slalom è possibile visitare il sito www.scuolascimontemarcabielmonte.it.

https://www.lastampa.it

Notizia