Milano, 21 giugno 2021 – Gli assessori regionali Alessandra Locatelli (Famiglia, Solidarietà sociale, Disabilità e Pari opportunità) e Stefano Bolognini (Comunicazione, Giovani e Sviluppo Città Metropolitana) hanno partecipato oggi, presso la sede regionale dell’Ente Nazionale Sordi (ENS), all’inaugurazione del servizio ‘Comunicare senza Barriere’, azioni e strumenti per una piena inclusione delle persone sorde e ipoacusiche”.

Redazione – mi-lorenteggio

Il progetto è stato realizzato in collaborazione con Regione Lombardia, per la diffusione di servizi di interpretariato in lingua dei segni italiana (LIS) e video interpretariato a distanza.

ASSESSORE LOCATELLI: GARANTIAMO DIRITTO ALLA COMUNICAZIONE – “L’accessibilità universale, così come descritta dalla Convenzione Onu per i diritti delle persone con disabilità – ha sottolineato l’assessore Locatelli – riconosce il diritto alla comunicazione tra quelli fondamentali per garantire una completa autonomia e una reale integrazione a tutti i cittadini”.

SEGNALE IMPORTANTE – “L’attivazione di questo progetto, che offre un servizio di interpretariato a distanza e in presenza, è – ha aggiunto Locatelli – un segnale importante e un aiuto concreto per l’inclusione e l’integrazione sociale delle persone sorde, sordocieche o con disabilità uditiva, con deficit di comunicazione o di linguaggio. Si tratta di un ulteriore passo in avanti verso la realizzazione di una piena inclusione, che avviene a pochi mesi dal riconoscimento nel nostro Paese della Lingua dei Segni Italiana come lingua ufficiale”.

ASSESSORE BOLOGNINI: AVANTI CON IL PERCORSO DI INCLUSIONE – “Questo progetto – ha commentato l’assessore Bolognini – ha un significato davvero importante. Un ulteriore importante passo avanti in un percorso di collaborazione che Regione Lombardia ha intrapreso da tempo con l’Ente Nazionale Sordi. Inclusione e integrazione sociale sono due punti fermi delle nostre politiche, comunicare senza barriere è un diritto da affermare sempre e comunque. Per questo, anche in Lombardia, per quanto di nostra competenza, ci impegneremo concretamente per dare sempre più forza all’affermazione della lingua dei segni”.

 

Notizie via email