Giaveno, accordo tra il Comune e l’ENS per usare la “Lingua dei Segni” LIS

0
303 Numero visite

Il 30 ottobre il sindaco di Giaveno Carlo Giacone ha invitato ad un incontro il presidente provinciale dell’Ente Nazionale Sordi Ens Serafino Timeo e Giuseppina Zingariello in rappresentanza delle persone sorde residenti nella città.

GIAVENO – Nel corso dell’incontro il primo cittadino giavenese ha condiviso con Timeo il testo delle mozioni e ordini del giorno depositate sull’argomento dai gruppi consiliari per avere indicazioni sulla migliore formulazione. Le mozioni chiedono all’amministrazione il “Riconoscimento della lingua dei segni (LIS)” con una serie di azioni da attuare.

Erano presenti all’incontro l’assessore all’Istruzione Anna Cataldo, la consigliera Raffaella Vercelli, Susanna Rege in rappresentanza del Tavolo disabili e la presidente del consiglio comunale Vilma Beccaria.

Nel corso dell’incontro il presidente Timeo e la Zingariello hanno rappresentato le problematiche delle persone sorde tra cui difficoltà di relazione negli uffici pubblici, nell’accesso alle visite mediche specialistiche e agli esami di laboratorio, nei trasporti. Hanno quindi proposto percorsi di sensibilizzazione per i dipendenti dei diversi enti, il miglioramento della comunicazione delle opportunità offerte alle persone sorde con uno “sportello” dedicato e la disponibilità di una sala comunale per poter fare dei corsi rivolti ai cittadini.

L’assessore Cataldo ha relazionato sull’attività di sostegno e di educativa scolastica svolta nelle scuole giavenesi e sulla particolare attenzione che questa amministrazione presta nei confronti dei soggetti più fragili sia in ambito scolastico che extrascolastico. Afferma che si terrà sicuramente in considerazione l’inserimento di azioni e/o progetti relativi all’inserimento della lingua dei segni nella sfera scolastica qualora si presentasse questa necessità.

Il sindaco Carlo Giacone e il presidente Timeo hanno convenuto che l’approvazione in consiglio di tale documento sul riconoscimento della Lingua dei Segni Italiana “LiS” sarà soltanto l’inizio di un percorso di collaborazione tra il Comune e l’Ente Nazionale Sordi con le finalità di garantire pari diritti a tutti i cittadini.

Inoltre Giacone ha confermato la massima disponibilità da parte dell’amministrazione per sensibilizzare i cittadini, e in particolari i dipendenti pubblici della città, sul tema della disabilità uditiva. Saranno calendarizzati dei corsi di formazione per i dipendenti e verrà creata una pagina sul sito istituzionale per prenotare appuntamenti in comune con il supporto di interpreti. Per le manifestazioni istituzionali più importanti verranno messi a disposizione degli interpreti LiS.

Beccaria, che aveva già iniziato un percorso conoscitivo sull’argomento con l’ENS nei mesi scorsi, ha detto che relazionerà alla conferenza dei capigruppo le osservazioni sui testi emerse nell’incontro.

Dichiara il sindaco Giacone: “Ho trovato in Timeo e Zingariello due persone eccezionali con i quali iniziare un percorso di sensibilizzazione e inclusione che porteremo avanti nel tempo. Da parte dell’amministrazione garantisco il massimo sostegno a ogni iniziativa che possa migliorare la vita dei cittadini, e come presidente dell’Unione Montana parlerò anche con gli altri sindaci della Val Sangone per fare rete sul tema e condividere gli interventi su tutti i comuni”.

http://www.valsusaoggi.it

Newsletter