“Cossato deve ripartire dal suo centro”

0
1.556 Numero visite

Presentati i componenti della lista Cossato Futura. Nei prossimi giorni Marco Abate, Alessio Bego e il senatore Gianluca Susta si recheranno dal ministro Giannini per salvaguardare il corso lis

e.l.

l_688c4e3336

“Abbiamo scelto piazza Tempia,  perché è da qui, dal centro, che la nostra città deve ripartire”. Così Marco Abate ha esordito nel presentare tutti i componenti della lista Cossato Futura, che  appoggiano la sua candidatura. Si tratta di Alessio Bego, 46 anni, insegnante e Alessio Botta, 47 anni, responsabile commerciale, che attualmente sono consiglieri di minoranza; Enrico Castellin, 42 anni, responsabile Cordar e Giorgio Quaglia, 55 anni, perito meccanico. I volti nuovi sono Federico Bonino, 26 anni, commerciante; Vanessa Dama 29 anni, proprietaria dell’agenzia di viaggi “Bluvacanze”;  Francesca Parlamento, 25 anni, praticante avvocato; Sabrina Menegaldo, 36 anni, impiegata di banca; Mattia Bordignon, 24 anni, infermiere; Danilo Castagnetti, 57 anni, tecnico di impianti fotovoltaici; Sara Giau, 30 anni, animatrice di villaggi turistici; Michela Zegna, 59 anni, insegnante; Antonino Calabrò, 38 anni, dipendente Asl; Wolmer Lavino, 56 anni, odontotecnico; Federico Saviolo, 25 anni, infermiere e Mariano Zinno, 42 anni, funzionario agenzia delle entrate.

All’incontro era presente il senatore biellese Gianluca Susta, che ha annunciato, che nei prossimi giorni  insieme a Bego e ad Abate si recherà dal ministro all’istruzione Stefania Giannini, per il mantenimento del corso lis (la lingua dei segni a Cossato). “Sono un insegnante- ha spiegato Bego- e in classe ho un ragazzo con problemi di udito. Lui ha seguito il corso lis e il suo livello di apprendimento è il medesimo dei suoi compagni. Non possiamo permetterci di perdere questo fiore all’occhiello della la nostra città”.

“Per quel che riguarda il programma- ha poi ribadito Abate- cercheremo di mettere in pratica tanti piccoli accorgimenti per migliorare Cossato e ricrearne  il  tessuto sociale. Da fare in modo che via Mazzini si trasformi in un’isola pedonale il sabato, al ripristino della linea ferroviaria Biella- Milano, alla valorizzazione del teatro comunale”.

“Cossato ha bisogno di piccoli interventi- ha concluso Mattia Bordignon- per invogliare i giovani a rimanere e una delle soluzioni è creare attività di svago e valorizzare il commercio locale”.

http://www.newsbiella.it/

 

 

Notizie via email