“Riconoscimento per la Lingua dei segni”, i sordi scendono in piazza

0
817 Numero visite

La sezione provinciale dell’Ens (Ente Nazionale Sordi) della Spezia scende in piazza perorganizza per il giorno 11 novembre alle 15 una manifestazione con sit-in finale presso la Prefettura della Spezia per sensibilizzare l’opinione pubblica e i mezzi di informazione sulla mancata approvazione della legge sul riconoscimento della Lis (Lingua dei Segni Italiana).

24560Questa iniziativa è inserita nel contesto di “Obiettivo LIS”, uno stato di agitazione proclamato dalla sede centrale Ens che culminerà il giorno 20 novembre 2014 con una manifestazione nazionale di protesta a Roma nella quale confluiranno sordi e sostenitori da tutta Italia.

Alle 15 ci sarà il ritrovo di tutti i partecipanti presso la statua di Giuseppe Garibaldi ai giardini pubblici e partirà un corteo presso le vie cittadine del centro fino a raggiungere la Prefettura. Alle 16,30 il neoeletto Consiglio Provinciale ENS salirà dal Prefetto per avanzare ufficialmente le nostre richieste. L’Ens della Spezia chiede a tutti i cittadini affinchè con la loro partecipazione diretta alla nostra iniziativa si possa finalmente sbloccare questa annosa discriminazione perpetrata ai danni della comunità sorda italiana.


“I presidenti regionali e provinciali dovranno adottare ogni possibile iniziativa tesa a sensibilizzare l’opinione pubblica e i mezzi di informazione locale, facendo forti pressioni sui parlamentari eletti nei rispettivi collegi, affinché il Parlamento Italiano riconosca la Lingua dei Segni così come previsto dall’art. 21 della Convenzione Onu sui diritti delle persone con disabilità. E se ciò non dovesse bastare, l’Ene è già pronto ad indire per il giorno 20 novembre 2014 una manifestazione nazionale di protesta a Roma”, fa sapere il presidente nazionale Ens
Giuseppe Petrucci.                     

http://www.cittadellaspezia.com/

Newsletter