Aumento pensione di invalidità – Il caso di Carmelo sordomuto dalla nascita

0
107 Numero visite

Ratei arretrati della pensione di invalidità. Aumento per tanti invalidi civili totali, ciechi assoluti e sordi

La maggiorazione sociale e l’incremento al milione sono prestazioni assistenziali che spettano agli invalidi civili totali al 100%, ciechi assoluti e sordi. Gli invalidi ultrasessantenni hanno diritto anche ai ratei arretrati.

Chi ha diritto agli arretrati? Attenzione perché il ricorso però non può essere avanzato da tutti.

Per poter aver diritto agli arretrati bisogna essere innanzitutto invalidi civili totali al 100%, ciechi assoluti o sordi, ma ciò purtroppo non è sufficiente; occorre rispettare altri requisiti, che saranno approfonditi tra poche righe.

Infatti la circolare INPS N. 107 del 2020, in applicazione della sentenza della C. Costituzionale n. 152 del 2020, ha esteso automaticamente l’incremento della pensione di invalidità da €. 286 ad €. 651 circa a tutti gli invalidi civili totali al 100% indipendentemente dal requisito anagrafico. Questo diritto precedentemente spettava però soltanto agli invalidi civili totali al 100% con età superiore ad anni 60 e pertanto questi ultimi possono ancora oggi avere diritto agli arretrati della pensione di invalidità.

Per un approfondimento si consiglia di leggere l’articolo scritto dall’Avv. Stefano Di Giacomo qui linkato(https://www.risarcimentierimborsi.it/arretrati-dellinvalidita-quando-come- e-in-quale-caso-richiederli/), che risponde a tutte le domande più frequenti per ottenere un aumento della pensione e soprattutto i ratei arretrati per gli ultimi 5 anni.

La storia di Carmelo

Il sig. Carmelo, sordomuto fin dalla nascita, dopo aver letto diversi articoli ed aver visto i sottotitoli presenti all’interno di un video su Youtube del canale di Risarcimenti & Rimborsi contatto lo studio legale per alcuni chiarimenti.

Per ottenere sia l’incremento della pensione di invalidità (maggiorazione sociale ed aumento al milione) che i ratei arretrati fino a 5 anni, occorre rispettare i seguenti requisiti:

  • Essere invalidi civili al 100%, inabili totali, ciechi civili assoluti o sordi;
  • Avere un’età superiore ad anni 60;
  • Non superare il limite di reddito personale annuo, ovvero di €. 8.469,63 e qualora l’invalido fosse sposato, non superare il limite di reddito coniugale annuo di €. 14.447,42.

Ai fini del calcolo si includono tutti i redditi, compreso l’eventuale assegno ordinario, la pensione di invalidità civile, escludendo però l’indennità di accompagnamento, il reddito di cittadinanza ed i trattamenti di famiglia.

Il sig. Carmelo. Rispettando tutte e 3 i requisiti decide dunque di contattare tramite email l’avv. Stefano Di Giacomo.

Lo staff, a distanza, ha gestito il ricorso senza la necessità di un contatto ravvicinato anche considerata la notevole distanza.

In pochi mesi arriva la bella notizia per l’istante: ricorso vinto! Arretrati dal compimento di anni 60.

Ecco qui la sua storia

(16) Arretrati pensione invalidità | AUMENTO PENSIONI – YouTube

 

Se anche tu o un tuo familiare avete i requisiti su indicati non esitare a contattare Risarcimenti & Rimborsi tramite i seguenti canali:

 

 

Notizie via email