Indennità di comunicazione a favore dei sordi: a chi spetta

0
9.669 Numero visite

Cos’è l’Indennità di Comunicazione e a chi spetta.
Quanto volte ci siamo imbattuti in dubbi e perplessità in merito a leggi e prestazioni in favore dei sordi

sordita

Qui, cercherò di rendere chiare le idee su chi ha diritto, come e quando alle agevolazioni economiche messe a disposizione dallo stato italiano nei confronti dei disabili con minoranza uditiva.

Grazie alla legge 508/1988 a favore dei sordi, è stata istituita, con decorrenza 1° gennaio 1988, un’indennità di comunicazione.
Questo tipo di indennità è rivolta al solo titolo della minorazione, senza tenere conto quindi, se hai un reddito alto o basso ne tanto meno dall’età.

Per ottenere l’indennità di comunicazione “necessitano” i seguenti requisiti:

– se il richiedente non supera i 12 anni di età, l’ipoacusia deve essere pari o superiore a 60 decibel HTL di media tra le frequenze 500, 1000, 2000 Hz nell’orecchio migliore;

– se il richiedente ha superato i 12 anni di età, l’ipoacusia deve essere pari o superiore a 75 decibel HTL e deve essere dimostrata l’insorgenza dell’ipoacusia prima del compimento del dodicesimo anno.

Quindi, se ai beneficiari dell’indennità è stata concessa prima del 12° anno a causa di perdita uditiva inferiore a 75 decibel, decadono dal beneficio al compimento di tale età.

Qui, i requisiti per ottenere la concessione della prestazione:

– per età non superiore a 12 anni, riconoscimento di ipoacusia pari o superiore a 60 decibel HTL di media tra le frequenze 500, 1000, 2000 Hz nell’orecchio migliore;
– per età superiore a 12 anni, riconoscimento di ipoacusia pari o superiore a 75 decibel HTL e dimostrazione dell’insorgenza dell’ipoacusia prima del compimento del dodicesimo anno;
spetta al solo titolo della minorazione indipendentemente dall’età e dal reddito;
cittadinanza italiana;
– per i cittadini stranieri comunitari: iscrizione all’anagrafe del Comune di residenza;
– per i cittadini extracomunitari: titolarità del permesso di soggiorno CE per soggio
rnanti di lungo periodo (ex carta di soggiorno);
– residenza stabile e abituale sul territorio nazionale.

Tale indennità spetta anche se svolgiamo normale attività lavorativa.
È cumulabile anche nel caso in cui si è riconosciuti con invalidità civile totale o di cieco civile (soggetti pluriminorati).

Quanto e quando spetta l’indennità di comunicazione:
I pagamenti delle prestazioni partono dal primo giorno del mese successivo alla presentazione della domanda salvo diversa indicazione medico-legale mentre viene corrisposta per 12 mensilità

http://cervelliamo.blogspot.it/

Newsletter