Assegni integrativi per invalidi, ciechi e sordomuti: si cambia

0
1.882 Numero visite

Con il 1° luglio 2015 sono entrate in vigore le modifiche previste dalla legge Finanziaria 2015 alla disciplina degli assegni integrativi previsti per gli invalidi civili, ciechi civili e sordomuti.

finanziaria

Due le modifiche principali: l’introduzione della valutazione economico-patrimoniale del nucleo familiare dell’invalido (Icef), quale requisito di accesso e criterio di determinazione dell’importo degli assegni integrativi; l’estensione anche a questi assegni delle stesse regole di sospensione dell’assegno di cura in caso “di ricovero in strutture ospedaliere o sanitario-assistenziali o in hospice per un periodo superiore a 30 giorni, con decorrenza dal 31esimo giorno”.

Per quanto riguarda il calcolo dell’Icef, si deve prestare attenzione alle seguenti indicazioni:

  1. il pagamento degli assegni integrativi è sospeso dal 1° luglio 2015 (e quindi non compare nel pagamento di agosto) in attesa che vengano adeguate le procedure informatiche e che vengano presentate le dichiarazioni Icef da chi è tenuto a farlo;
  2. coloro che stanno usufruendo dell’assegno di cura (previsto dalla legge provinciale 15/2012), non devono fare nulla. L’indicatore Icef sarà recuperato in automatico dalla domanda di assegno di cura e dai successivi riaccertamenti annuali. Il pagamento dell’assegno integrativo riprenderà regolarmente con la rata di ottobre relativa al bimestre settembre-ottobre. In tale pagamento verranno inclusi anche gli arretrati relativi al bimestre luglio-agosto;
  3. coloro che non stanno usufruendo dell’assegno di cura, per poter mantenere il diritto all’assegno integrativo devono recarsi, tra settembre e dicembre 2015, presso i patronati o gli sportelli periferici della Provincia, per presentare le dichiarazioni necessarie per il calcolo dell’Icef. Per fissare un appuntamento consultare l’elenco degli enti abilitati: www.apapi.provincia.tn.it/

Se le dichiarazioni per il calcolo dell’Icef saranno presentate entro il 31 dicembre 2015, l’assegno integrativo per chi ne avrà diritto sarà comunque ripristinato con decorrenza retroattiva dal 1° luglio 2015.

Tra settembre e dicembre di ogni anno le dichiarazioni dovranno essere ripresentate, per continuare a beneficiare degli assegni integrativi nell’anno successivo.

Qui di seguito i nuovi importi degli assegni integrativi e le soglie minime e massime dell’Icef:

  • invalidi civili, ciechi parziali, sordomuti: assegno integrativo intero con Icef fino a 0,18: 100 euro; assegno integrativo parziale con Icef fra 0,18 e 0,32: da 99 a 50 euro;
  • ciechi totali: assegno integrativo intero con Icef fino a 0,18: euro 150; assegno integrativo parziale con Icef fra 0,18 e 0,32: da 149 a 100 euro.

Per maggiori dettagli è possibile consultare la deliberazione della Giunta provinciale n. 1032 del 22 giugno 2015, con la quale sono state approvate le disposizioni attuative previste dalla Finanziaria 2015: www.delibere.provincia.tn.it

http://lavocedeltrentino.it

 

Newsletter