Pensioni e prepensionamento statali: chi, come, quando uscita flessibile e anticipata in riforma pubblica amministrazione

0
1.915 Numero visite

Scatterà a 62 anni il pensionamento d’ufficio per tutti i lavoratori pubblici, sia impiegati che dirigenti. Le sole eccezioni sono concesse a medici e professori (65 anni) e a magistrati (70 anni come adesso). Lo prevede un emendamento al decreto di riforma della pubblica amministrazione che ha ottenuto il via libera in sede di commissione Affari Costituzionali alla Camera dei deputati. La norma potrebbe avere ripercussioni anche in ambito privato ovvero potrebbe essere allargata a tutti i lavoratori per evitare disparità di trattamento. L’appuntamento è con la prossima legge di stabilità.

inps

I cosiddetti quota 96 del mondo della scuola, quelli con 60 anni di età e 36 di contributi, che non hanno potuto lasciare all’entrata in vigore della legge Fornero per la presenza di un errore di conteggio, potranno fare domanda di pensionamento e ritirarsi entro settembre. Il Trattamento di fine servizio, però, sarà liquidato solo alla maturazione dei requisiti con le norme della legge Fornero.

Il passaggio parlamentare ha portato modifiche anche alle norme sui demansionamenti. I lavoratori pubblici in esubero potranno essere retrocessi per non perdere il posto di lavoro, ma di un solo gradino. Anche in questo caso, come per la mobilità obbligatoria, i sindacati saranno coinvolti nello stabilire i criteri.

La mobilità obbligatoria entro i 50 chilometri avrà delle eccezioni. Per i lavoratori che hanno figli minori di tre anni e per coloro che hanno disabili a carico con i benefici della legge 104, sarà necessario il consenso al trasferimento. I sindacati avranno un ruolo nella definizione dei criteri di mobilità.

Il taglio del 50% dei contributi alle Camere di Commercio avverrà in tre anni. Per il primo anno, il 2015, la riduzione sarà del 35%. Le Camere avranno un po’ più di tempo per riorganizzarsi e far fronte ai mancati introiti. Nel primo anno la riduzione non sarà più di 400 milioni di euro ma solo di 250 milioni.

http://www.webmasterpoint.org/

Newsletter