Pistoia, sordi nel mirino dei ladri. “Seguiti e poi derubati”

0
141 Numero visite

I tre amici erano andati al supermercato per comprare i televisori che poi sono spariti in meno di un’ora dall’auto in sosta. La denuncia in questura

di ELISA CAPOBIANCO La Nazione

Pubblicità

Pistoia, 4 settembre 2021 – Li avevano appena comprati quei due televisori, felici di aver fatto questo piccolo grande investimento. “Appena comprati e soprattutto appena caricati, al sicuro ben nascosti, nel bagagliaio della nostra macchina (una jeep rossa) in sosta nell’area Coop lungo viale Adua a Pistoia. Nemmeno il tempo di portarli a casa c’è stato perché qualcuno li ha rubati nel parcheggio“, raccontano con sgomento i tre amici. Tre giovani sordi – una condizione di vita ’speciale’ che loro stessi tengono a sottolineare, pur chiedendo di essere protetti dall’anonimato per “paura di ritorsioni” – che lottano ogni giorno con le proprie forze contro mille difficoltà per avere una quotidianità di indipendenza e autonomia.

Una quotidianità di cui quei due televisori avrebbero rappresentato un tassello. Se uno o più balordi non avessero pensato di rovinare tutto derubandoli. Il furto si è consumato nel pomeriggio del primo settembre, verosimilmente tra le 16 e le 17. «Siamo andati alla Coop per comprare i televisori scelti dal catalogo: due dal valore di quasi 400 euro – riesce a spiegare ancora sotto choc uno dei malcapitati –. Dopo l’acquisto io sono uscito dal supermercato con il mio televisore, mentre la mia amica si è fermata al box informazioni per ritirare il suo”.

E proprio lì sarebbe accaduto qualcosa di strano, con il senno del poi. “Aveva notato, a dire il vero, che alle sue spalle c’era un uomo che la osservava con una certa insistenza seguendola con lo sguardo – continua il racconto –. Quando lei è uscita è uscito anche lui. Una casualità o forse un piano, dato quello che ci è capitato? Fatto sta che la mia amica mi ha raggiunto all’auto per caricare anche il suo apparecchio. Abbiamo messo tutto al sicuro, chiudendo il bagagliaio per poi rientrare alla Coop a fare la spesa”. Un’ora, neppure un’ora. Tanto è bastato ai ladri per mettere a segno il colpo.

“Quando siamo usciti i televisori non c’erano più – conclude –. È stato un colpo al cupre tremendo. Ci sentiamo derubati e umiliati nella convinzione che qualcuno possa aver approfittato della nostra disabilità per agire con maggior disinvoltura. magari qualcuno che ci ha osservato mentre eravamo all’interno e che ha capito che siamo sordomuti e per questo ci ha individuati come più fragili, forse!”. Il gruppo ha sporto denuncia alla questura di Pistoia e chiede giustizia, sperando di trovare testimoni. “Un passante o un cliente della Coop che abbia notato strani movimenti – è questa la speranza –. Purtroppo ci risulta che su quel parcheggio non insistano telecamere e che in zona spesso si verifichino furti. Siamo arrabbiati. Speriamo che qualcuno ci aiuti”.

 

Pubblicità