Il ciclista sordo che ha girato l’Europa Racconta a Bologna la sua avventura

0
976 Numero visite

«Non ho incontrato grandi difficoltà, magari mi sono perso, ma tutte le persone che ho incontrato mi hanno capito» racconta Salvatore Luca Scavo, 28 anni usando la lingua italiana dei segni. Dopo esser partito dalla sua Catania, Luca è arrivato a Roma in nave e da qui ha raggiunto Genova. Poi è stata la volta della Francia. Tutto rigorosamente in bicicletta. Ma quegli 8000 chilometri percorsi in tutta Europa non gli hanno permesso di superare solo confini geografici. Luca ha infranto anche un record: è il primo sordo italiano ad aver affrontato un’avventura tanto impegnativa.

4003902-kt0D--180x140@Corrieredibologna
Il locale gestito da sordi

L’IMPRESA – Quattro giorni fa l’arrivo sulla sua mountain-bike a Bologna, dove trascorrerà il Natale con la sorella: al bar Senza Nome di via Belvedere, gestito da ragazzi sordi, ha raccontato la sua avventura. Tappa dopo tappa, le ruote di Luca hanno conosciuto le strade dei pellegrini della Spagna del nord e, passando dal Portogallo ha raggiunto le scivolose strade innevate dell’Austria e della Norvegia. Poi ancora a sud verso la Croazia e da lì il rientro in Italia.

IL VIAGGIO – L’avventura che gli è rimasta più impressa? Quella vissuta in Francia, quando ha dovuto attraversare un fiume profondo portando a mano la bici da 70 chili e percorrere altri 3 chilometri lungo il corso del fiume sempre con la bici in spalla. È un ragazzo forzuto Luca. E forte d’animo. Quando tre anni fa ha perso il lavoro da operaio in Sicilia ha deciso di progettare la sua traversata. Ma non finisce qui: sta progettando già la prossima avventura. «Mi sono fermato per questioni economiche ma sto cercando degli sponsor per il prossimo viaggio». Obiettivo finale l’Asia, precisamente la Thailandia. Ma gli piacerebbe macinare chilometri anche in Romania e Turchia. «Il viaggio è rimandato per questioni legate alla guerra». Per adesso di certo c’è il rientro a Catania il prossimo 2 gennaio rigorosamente in sella alla sua bici.

http://corrieredibologna.corriere.it/

Newsletter