Sottoscritto alla Provincia protocollo con l’Ente Nazionale Sordi

0
1.163 Numero visite

Di seguito nota del portavoce della Provincia di Reggio Calabria: Una convenzione  tra la Provincia di Reggio Calabria e la sezione reggina dell’Ente Nazionale Sordi  agevolerà l’inserimento sociale di quanti  sono privi della funzione uditiva.

giorgio_cannizzaro_2L’accordo è stato sottoscritto dal Presidente Giuseppe Raffa e dal vicepresidente ENS Santoro Favasuli, alla presenza di  funzionari dell’Ente di via Foti e del consigliere provinciale Demetrio Cara.
Con la sottoscrizione dell’atto, la Provincia ha accolto un apposito progetto presentato dall’ENS reggina  per la prosecuzione dell’esperienza dello “Sportello LIS” di via Placido Geraci, aperto dal lunedì al venerdì,  dove viene garantita assistenza di varia natura a quanti sono portatori di questo handicap e non soltanto agli iscritti all’ Ente Nazionale Sordi. Lo stesso sportello, al fine  decentrare l’offerta di assistenza, una volta al mese, funzionerà anche  presso la sede del Settore 9 (Politiche sociali) della Provincia.  Il sostegno dell’Amministrazione guidata da Giuseppe Raffa consentirà la ripresa  del Tg LIS,  in onda per quattro anni nella fascia serale. La terza azione prevista dal progetto  riguarda  l’organizzazione di un  corso di formazione per l’insegnamento alle persone audiolese  del linguaggio dei segni che  si svolgerà presso le strutture provinciali, al quale potranno partecipare  anche i non iscritti all’ENS.

Con la firma  della convenzione, la Provincia si prefigge di raggiungere l’obiettivo teso alla protezione sociale attraverso la valorizzazione e il sostegno di interventi a  favore delle fasce deboli, in particolare le famiglie bisognose  con a carico soggetti audiolesi in età prescolare, scolare, giovani e adulti. Con una precedente convenzione, (sempre della durata di un anno) le  iniziative che partiranno a conclusione delle formalità amministrative sono state di grande utilità nell’ambito  dei servizi informativi al cittadino e alla comunità.
“Il sostegno alle famiglie e alle fasce deboli presenti sul nostro territorio – dice il presidente Giuseppe Raffa – rientra non solo in un preciso dovere degli enti pubblici, ma fa parte del programma di governo della Provincia. L’Ente che presiedo,infatti,   continua ad essere  attendo a quelli che sono i bisogni  di quanti, in questo particolare momento  di crisi economica,  vivono  in  difficoltà. Con l’ENS ripetiamo un’esperienza di grande valenza sociale che ha contribuito ad eliminare lo stato di isolamento delle persone sorde presenti sul territorio. Forti dei consensi ottenuti dall’esperienza precedente abbiamo  ritenuto importante  rifinanziare il progetto  per garantire i diritti sociali di quanti appartengono  alla categoria degli audiolesi”.

Strill.it | Quotidiano calabrese dal 2006. Tutte le news dalla Calabria

Newsletter