Genova, aggressione a sfondo razziale «Quattro clochard presi a sprangate»

0
1.698 Numero visite

Le vittime quattro cittadini che dormivano in piccole tende «Volevamo ucciderci e non sappiamo perché»

dove2

Gli inquirenti hanno in mano anche il video registrato da una telecamera di sorveglianza che documenta la drammatica aggressione ai danni di quattro clochard che dormivano sotto i portici di piazza Piccapietra, in pieno centro a Genova. Sono stati presi a calci e sprangate intorno alle tre di notte da quattro giovani incappucciati mentre cercavano riparo dal freddo all’interno di piccole tende canadesi e scatoli di cartone. Per gli inquirenti si tratterebbe di un’aggressione a sfondo razziale e ora stando esaminando attentamente i filmati per riuscire ad identificare gli aggressori. I quattro erano armati di tubi innocenti recuperati in un cantiere vicino piazza Piccapietra.

VOLEVANO UCCIDERCI – Dopo il pestaggio i senzatetto sono stati trasferiti in ospedale. Due sono gravi: hanno ferite alla testa, alle spalle e in altre parti del corpo. Per loro una prognosi di almeno 30 giorni. Le vittime del pestaggio sono cittadini dell’Est Europa. «Volevano ucciderci – racconta dal letto d’ospedale Susanna- ci picchiavano e noi abbiamo cominciato a chiedere aiuto. Abbiamo gridato ma loro non si fermavano». Susanna dovrà essere sottoposta ad un intervento chirurgico per una frattura scomposta al braccio

SANGUE SULLE TENDE – Sul luogo dell’aggressione sono ancora visibili i segni del pestaggio con tracce di sangue a terra e sulle piccole tende dove dormivano i clochard. Le vittime del pestaggio, marito e moglie e due loro cognati, non riescono a darsi una spiegazione per quel che è accaduto: «Sappiamo solo che sono venuti in piena notte e ci hanno massacrati». Un quinto senzatetto, sordomuto, è riuscito a scappare sottraendosi al pestaggio.

http://www.corriere.it/

Notizie via email