Asini, aquile e… leoni Gli eventi da non perdere

0
1.121 Numero visite

Il weekend clou del Carnevale. Sei soft? Ecco i musei e i reading. Sei hard? Per te il balkan-beat nei campi. E i migliori laboratori per far divertire i più piccoli

VENEZIA – Calli affollate e idee per il divertimento ad ogni angolo. Per destreggiarsi nel weekend centrale del Carnevale la parola d’ordine sarà: scegliere. Tra le proposte notturne però, ce ne sono alcune di imperdibili.

CAPPELLI CHE PASSIONE
CAPPELLI CHE PASSIONE

FESTE GLAMOUR Come da tradizione, il sabato clou di Carnevale è anche quello delle feste tradizionali. Si comincia sabato sera con le due più «famose», quella del Teatro La Fenice, che quest’anno proporrà un Gran Galà in costume in cui però il centro dello spettacolo sarà la Bohéme, diretta da Diego Matheuz, a partire dalle 19, e che avrà come madrina Sofia Valleri, la 22enne «sosia» di Belen e vedrà arrivare tra gli ospiti il Ministro dell’interno, Anna Maria Cancellieri, ma anche dell’attrice Vladimir Luxuria, e il sottosegretario del Ministero dei beni culturali Roberto Cecchi. Dopo la premiazione della Cavalchina award (che quest’anno verrà consegnata a Laura Biagiotti) ci si sposterà nelle Sale Apollinee e nel Foyer, dove saranno allestiti un bar e una cena a buffet del ristorante Do Forni ma soprattutto in Campo San Fantin, dove musica e dj non stop terranno tutti svegli fino a notte inoltrata. Molto coreografico ma non proprio alla portata di tutti il Ballo del Doge, a Palazzo Pisani Moretta, in cui le scenografie di Antonia Sautter, torneranno per celebrare i 20 anni dell’appuntamento. Per un drink di classe ma decisamente più accessibile si potrà scegliere invece tra molti hotel della città. Al Londra Palace il pianoforte a coda ospiterà nell’ora dell’aperitivo le dita talentuose di Matteo Alfonso (sabato 9 dalle ore 18.30), ma anche all’Hotel Bauer dove un circo sexy e glamour accoglierà i presenti tra contorsionisti e ballerini che anticiperanno le danze (con dj-set), che continueranno tutta la notte. L’Hilton Molino Stucky Venice sull’isola della Giudecca, proporrà invece nello Skyline Rooftop Bar, all’ottavo piano dell’hotel una festa di Carnevale a tema anni ’70 e ‘80! Accessori e dress code a tema, musica del dj Marco Fabbian e finger-food del dinner buffet, tutto a partire dalle 20.30.

MUSICA NEI CAMPI Per chi puntasse, invece, ad una serata culturale l’appuntamento di sabato sera è alle 21 al Teatro Fondamenta Nuove, con la prima dello spettacolo “Quella Volta … Peggy Guggenheim” in cui Peggy Guggenheim sarà rappresentata in scena quale omaggio al mecenatismo. La regia è di Tullio Cardona, le coreografie sono di Michela Barasciutti. Lasciate le stanze e i palazzi, il Carnevale, come ogni anno, sarà però soprattutto nei campi. Tre gli appuntamenti per i giovani per la notte di sabato. Il primo al terminal San Basilio per «Love boat» la serata di musica non stop dalle 22.30 alle 4 (si pagheranno 5 euro), il secondo in campo San Geremia, con «Carnevalanga» che proporrà musica Ska con Collettivo Orkestra Circus – concerto folk circense, Pharmakos – concerto ska e samba, Las Karne Murta – concerto ska, il terzo con «Carnevalaltro- facciamo la festa all’austerity», che sarà invece in campo Sant’Angelo, con MalaVida Dj, Balkan Beat & Gipsy Groove.

SVOLO DELL’AQUILA (E DELL’ASINO) Confermando la tradizione, saranno due i «voli» di domenica alle 12. Quello dell’asino, in Piazza Ferretto, per celebrare il carnevale della terraferma e quello dell’aquila, in Piazza San Marco, per il carnevale del centro storico in cui a lanciarsi sul Gran teatro di Piazza San Marco sarà Francesca Piccinini la pallavolista della nazionale.

MUSEI E READING Ma il weekend in arrivo sarà anche dedicato alla cultura e per chi bazzicherà in centro storico già dalle prime ore del pomeriggio di sabato, sarà possibile partecipare ad alcuni appuntamenti preziosi con le bellezze della città. All’archivio di Stato dalle 9.30 alle 13 sarà possibile visitare la mostra documentaria Arcobaleni lagunari: itinerari storici tra i colori della Serenissima Repubblica, a cura di Paola Benussi e Monica Del Rio, con la consulenza scientifica di Michela Dal Borgo. L’esposizione ripercorre l’uso del colore nei secoli antichi della Serenissima, scoprendone l’impatto in alcuni ambiti particolari. Alle 15 invece la Fondazione Querini Stampalia proporrà un «Viaggio tra le collezioni di famiglia» con visite guidate in maschera. Alle 17 alla Basilica di San Marco, verrà proposta una visita guidata ai mosaici del nartece con le storie di Noè, e l’ausilio di letture in 8 lingue e linguaggio dei segni per i non udenti. A Ca’ Pesaro – Galleria Internazionale d’Arte Moderna, alle 18 andrà in scena lo spettacolo Tutti i colori del mondo, dal testo di Giovanni Montanaro per la regia di Giuseppe Emiliani.

BAMBINI Accanto al quarto Carnevale dei ragazzi («Il leon musico») di Biennale, sabato si attiveranno anche workshop e animazioni per i più piccoli alla Fondazione Pinault con «L’invasione dei bambini matita» (alle 10 e alle 19) in cui i più piccoli potranno dare sfogo alla loro creatività senza limiti, mentre a Palazzo Grimani (alle 15) letture con attori e musica delle fiabe animate “A Perdifiaba” saranno a cura della Compagnia teatrale Pantakin.

CURIOSITA’ FINALI In Campo San Giacomo dell’orio, quello di sabato sarà un pomeriggio travolgente di tango, a cura della San Giacomo Benefica con la collaborazione dei Cittadini di San Giacomo ma in Campo San Polo continuerà la magia della «Boule de neige», un’installazione di 3 metri che rimarrà fino al 14 febbraio dalle 11 alle 20 e che riproducendo a grandezza naturale le palle di neve dei bambini, permetterà ai curiosi di entrare e farsi fotografare. Alice D’Este

http://corrieredelveneto.corriere.it/

Newsletter