Anziano preso a pugni e rapinato a Milano in pieno giorno

0
798 Numero visite
Pubblicità

In Via dei Valtorta a Milano in zona Turro una persona è stata presa a pugni e poi rapinata sotto casa in piena mattina, circa le ore 10, questo fattaccio a danno di una persona anziana non nasconde la grave dimensione del vivere quotidiano .

Pubblicità
Il duomo di Milano

I frequenti e gravi episodi che si verificano nel n/s Paese, quasi giornalmente a persone anziane nella propria casa ed ora nella pubblica via, sono scaturiti dalla stessa matrice di follia di menti psichicamente instabili, nei quali bambini giovani donne anziani e gente comune sono vittime di incuria violenze, rapine ed abusi d’ogni genere, ci lasciano attoniti e sconcertati e con noi l’opinione pubblica. I “fattacci” avvenuti, come ci informano i TG nazionali, sono crude manifestazioni di una realtà che da molti anni “invadono le cronache dei mass media” e dimostrano l’inconfondibile e grave stato di deterioramento prodotto dal silenzio e dall’incuria delle Istituzioni  a garantire la sicurezza dei cittadini, a prendere sul serio questo grave disagio sociale, con opportuni Provvedimenti Legislativi atti a garantire la sicurezza dei cittadini.

In passato vi era o non vi era il “ poliziotto di quartiere “ ?

Cresce e diventa più forte e sentito il bisogno di giustizia, di protezione a fronte di situazioni che procurano paura, insofferenza e delusione per la mancanza di credibili azioni che diano al cittadino almeno la sensazione di essere tutelati, malgrado il meritevole impegno delle Forze dell’Ordine, alle quali devono essere indirizzate parole di plauso per l’impegno di sicurezza, anche giuridica. Si fa tanto clamore nell’immediatezza del dramma, per poi voltare pagina e lasciare nel buio di un angolo, anche della nostra coscienza, i diversi scottanti problemi come quelli sollevati dalla sicurezza .Rifinanziare le missioni militari, “viaggi” all’estero, inutili e gravose “manifestazioni” e nella prossima legge finanziaria “tagliare” i contributi alla sicurezza ignorando la sicurezza dei cittadini con problemi di “ ordine pubblico”, non è amministrare come dovrebbe fare il “buon padre di famiglia”, a fronte di impellenti necessità e priorità come nel caso sopra esposto .

Bisogna stare molto attenti alla sostanza ed accantonare una volta per tutte restando con i piedi in terra, il “mondo ed il libro dei sogni” ! Un ennesimo appello è rivolto al buon senso del Legislatore ( ??? ) perché trovi una soluzione più confacente alla evidente, anche se latente, gravità di molte delle necessità di cui mancano i cittadini, per non dovere ancora “assistere” ai maltrattamenti ed alle rapine come quasi giornalmente avviene, come nel caso sopra descritto, sono una impellente necessità !

 

E con le sagge parole del Santo Giovanni Paolo II° : ” Andiamo avanti con speranza

 

Previte

http://digilander.libero.it/cristianiperservire

La nostra Associazione per la promozione sociale costituita nel maggio del 1994 non ha richiesto nè gode di contributi economico-finanziari palesi od occulti.

Notizia