Quale commento verso le provvidenze economiche elargite al mondo della disabilità?

0
1.670 Numero visite

Ancora una volta si verifica una situazione che nessun Governo vuole risolvere, inerente le provvidenze economiche del mondo della disabilità !

inpsCon la Circolare n. 210 del 31 dicembre 2015, l’INPS quale gestore, eroga prestazioni di natura assistenziale agli invalidi civili totali e parziali, ai ciechi, ai sordomuti sprovvisti di redditi personali e di modesto importo, qui sotto riportate e che costituiscono una vergognosa situazione che non solo ci richiama ai “ventennali periodi d’imposizione “, ma che sono da considerarsi periodi selvaggi quelli qui sotto riprodotti :

Cari Amici,

Con la Circolare INPS del 31 dicembre 2015, vi è da vergognarsi a leggere queste “ provvidenze economiche “, pensando alle Istituzioni che lo permettono ed al Governo che preferisce dare 500 euro ai giovani per usarli nelle loro “ allegre necessità “, invece di pensare al  mondo della disabilità, del dolore, della sofferenza, che languisce e sopravvive nella più totale miseria..

di Franco Previte

 

 

Tipo di provvidenza Importo Limite di reddito
2015 2016 2015 2016
Pensione ciechi civili assoluti 302,53 302,53 16.532,10 16.532,10
Pensione ciechi civili assoluti (se ricoverati) 279,47 279,47 16.532,10 16.532,10
Pensione ciechi civili parziali 279,47 279,47 16.532,10 16.532,10
Pensione invalidi civili totali 279,47 279,47 16.532,10 16.532,10
Pensione sordi 279,47 279,47 16.532,10 16.532,10
Assegno mensile invalidi civili parziali 279,47 279,47 4.800,38 4.800,38
Indennità mensile frequenza minori 279,47 279,47 4.800,38 4.800,38
Indennità accompagnamento ciechi civili assoluti 880,70 899,38  Nessuno Nessuno
Indennità accompagnamento invalidi civili totali 507,49 512,34  Nessuno Nessuno
Indennità comunicazione sordi 252,20 254,39  Nessuno Nessuno
Indennità speciale ciechi ventesimisti 203,15 206,59 Nessuno Nessuno
Lavoratori con drepanocitosi o talassemia major 502,39 502,39 Nessuno Nessuno

 

Ci propinano in maniera continua che è stato chiuso un “ciclo politico”, senza dubbio caratterizzato dal mancato raggiungimento di tappe o traguardi significativi, mentre ora si apre un “nuovo scenario” con prospettive di grande interesse che ci auguriamo non siano nel segno della continuità di quelle sinergie negative fin oggi raggiunte, ma sopratutto dalle condizioni sociali in cui si trovano i disabili fisici e gli handicappati mentali, in una parola tutto il mondo della disabilitò, del dolore, della sofferenza .

Ci dicono in maniera continua che la nostra economia fa acqua da tutte le parti, che il n/s status sociale è in “ebollizione”, che la nostra Patria continua ad essere terra delle contraddizioni, ma ci accorgiamo ch’essa è terra martoriata dalle tante parole e vicissitudini, terra dove ogni giorno fanno capolino “problemi” che non vengono risolti a causa di una mancata programmazione, terra di diminuzione delle imposte, tasse, canone RAI, luce, gas ed altre “trovate” : ci domandiamo perché deve pagare solo il semplice cittadino ?

Non vogliamo che il nostro dire sia male interpretato, né considerato che “provenga” da una colorazione più o meno politica : lungi da noi, perché la partitocrazia divide, mentre il buon senso, invece, dovrebbe accomunare !

Mentre diminuisce la speranza per giorni migliori, ecco che la Politica ci predica e ci ammannisce le più belle parole e ci vogliono insegnare il significato ed il sentimento della solidarietà, ma siamo convinti che i servizi pubblici sono necessari e devono essere riveduti con criteri non solo obbedienti allo spending review, ma in un contesto che tenga concretezza, valori, moralità, etica, orientati, diretti al bene comune, non parole, parole,parole !

Solidarietà umana verso tutto e tutti, mentre qualche padre di famiglia si suicida per la disperazione, per la fame, per la situazione occupazionale, mentre qualche persona ruba al supermercato per necessità o perché l’importo della sua pensione non è all’altezza delle necessità, ecco che la Politica non dice nulla nella urgenza di risparmio pubblico .

In sostanza , quanto paga la “casta “ ? Si, la casta politica quanto paga o ha pagato ? Non si sa, o non ce lo vogliono dire !

 

Noi non siamo contrari a questi principi di solidarietà umana, non siamo contrari a principi e valori morali, non siamo contrari ad iniziative di dignità sociale e civile, ma siamo dell’opinione che la legge è uguale per tutti e non per pochi !

Siamo semplicemente perplessi e frastornati per come non ci vengono prospettati i “ problemi” dei disabili, per come e con quale leggerezza vengono affrontate situazioni che fanno accapponare la pelle anche ai più “incalliti” possessori di sangue freddo.Perplessi perché a volte vengono adottate soluzioni che non ci convincono e nel contempo ci frastornano.

E’ il caso delle pensioni d’oro che raggiungono la vetta di 90 mila euro al mese (?), pari a circa 3 mila euro al giorno e sono circa 100 mila e costano allo Stato più di 13 miliardi all’anno erogate (?) dall’INPS, mentre nel tipo di provvidenza economica sopra riportato nessun aumento è stato fatto, almeno per certe “fasi” piccole.

Ma perché non avviene un aggiornamento degli assegni di assistenza al mondo dei ciechi, degli invalidi, dei sordi, dei sordo muti che non vivono, ma sopravvivono all’andamento della crisi economica, al rialzo del costo della vita e del vivere quotidiano ?. E’ una situazione che costituisce una autentica vergogna, un cerchio che viepiù avvince ! Queste “situazioni” continuano, mentre in l’Italia è divenuto il Paese dei corrotti e dei corruttori !

Nel Bel Paese l’onestà non conta più nulla e di fronte agli esempi di malcostume, ormai, questi sono diventati una scia interminabile di alterazioni di quei valori che hanno squassato le fondamenta facendo apparire un sottofondo di immoralità .

Ed allora fermo restando le nostre perplessità, convinti che sia giusta una significativa e marcata solidarietà nonostante i tanti problemi economico-sociali e fiscali che ci attanagliano, tuttavia sorge spontanea una domanda : perché chi siede in “alto loco” anziché predicare non dà in prima persona il buon esempio di pratica solidarietà o di diligenza del buon padre di famiglia ?

Gli italiani di questi atteggiamenti di stimolo e di solidarietà ne hanno visto pochi : il buon padre di famiglia prima di sacrificare i figli sacrifica se stesso!.

Gli atti umanitari d’urgenza e che riteniamo di assoluta priorità e di vera equità, come quelli che leggiamo sopra, vanno materializzati e lo vogliamo ricordare alla Politica col “P” maiuscolo.

Non siamo né razzisti, né qualunquisti : siamo soltanto obiettivi e realisti. Chi ha orecchie da intendere, intenda!

Nell’Anno della Misericordi Papa Francesco consegna a tutti un Messaggio ricordando gli “ultimi fra gli ultimi, i più deboli, i più diseredati, i più emarginati che sono da vedere non come un carico di pietà e dolori, ma come dono di Gesù “, continuando a non rassegnarsi “allo spread del benessere sociale, ma pensare ai poveri.

E con le parole del Santo Giovanni Paolo II°: “Andiamo avanti con speranza” e con noi l’opinione pubblica .

Previte

http://digilander.libero.it/cristianiperservire

La nostra Associazione per la promozione sociale costituita nel maggio del 1994 non ha richiesto nè gode di contributi economico-finanziari palesi od occulti.

 

Newsletter