Il Cenacolo “raccontato da Leonardo” in mostra a Milano

0
1.045 Numero visite

ultima-cena-1Segni e segreti del Cenacolo “raccontati da Leonardo” in una mostra digitale e sensoriale allestita dal 3 Giugno al 30 Ottobre 2015 presso l’Istituto dei Ciechi di Milano.

Una copia digitale a grandezza naturale dell’Ultima Cena di Leonardo, la tela custodita nell’ex refettorio di Santa Maria delle Grazie, verrà riproposta, in occasione dell’Esposizione Universale della città lombarda, nell’ottocentesca Sala Barozzi dell’Istituto dei Ciechi di via Vivaio.

Ma è un’originale docu-fiction a svelare segni e segreti della tela nel racconto di un Leonardo contemporaneo.

e569f21cbb2a11cc4c12a04534d85916_L

La mostra, promossa dall’Associazione delle mappe dei Tesori d’Italia, ripropone in chiave digitale l’opera e l’ambiente leonardiano offrendo ai visitatori la possibilità di immergersi nel capolavoro quattrocentesco e scoprire il linguaggio dei gesti dei personaggi raffigurati.

Grazie alla narrazione di un attore (traduzione in 8 lingue) che indosserà i panni di Leonardo da Vinci, si sentirà vibrare nell’atmosfera ovattata dello spazio espositivo la voce profonda dell’artista: “Lo bono pittore ha da dipingere due cose principali, cioè l’homo e il concetto della mente sua. Il primo è facile, il secondo difficile perché s’ha figurare con gesti e movimenti delle membra”.

Verrà così spiegata la solitudine di Giuda, l’agitazione di Bartolomeo e Giacomo, il silenzio di Giovanni ed il sussurro di Pietro mentre su ciascuno dei personaggi l’occhio della telecamera si ferma per cogliere ogni sfumatura rimandata sugli schermi. Ma intorno alla celebre tela si muove il mondo di personaggi che hanno incrociato la vita dell’artista, anch’essi interpretati da attori che, come in una macchina del tempo, riportano lo spettatore a rivivere le conversazioni con Ludovico il Moro o con i garzoni di bottega.

“Scopriremo anche che cosa c’è sulla tavola del banchetto leonardesco – spiega Renata Avidano, curatrice della mostra – richiamandoci al tema centrale dell’Expo sull’alimentazione e sugli stili di vita a tavola. Abbiamo realizzato un evento dal forte impatto emotivo che lascia il segno di un’esperienza.

Per questo nel chiostro dell’Istituto di via Vivaio proponiamo anche piatti cinquecenteschi rivisitati con materie prime delle eccellenze italiane. Leonardo racconta il Cenacolo – aggiunge Avidano – è una mostra che ispira tutti i sensi e trasforma il visitatore in un osservatore fuori dall’inquadratura della scena ma assolutamente presente”. – (PRIMAPRESS)

http://www.primapress.it

Newsletter