La magia del “Coro delle mani bianche”

0
1.974 Numero visite

di Lina Sotis

3sotis-foto-mani-biancheQuando l’Ente Nazionale Sordomuti si è formato nel 1932, le persone sorde erano prive di qualsiasi diritto sul piano giuridico e sociale: considerate soggetti incapaci di intendere e di volere, erano escluse da ogni facoltà giuridica, non avevano diritto all’istruzione, se non presso istituti religiosi o precettori privati. L’Ens, Ente nazionale sordi, in particolare quello di Milano, da anni lavora per facilitare la vita di chi ha questo handicap, non visibile e, quindi, più grave.

sotis-foto-mani-biancheLa lista di quello che l’Ens organizza per i soci è lunga: tirocini lavorativi, stages ed esperienze formative presso strutture ed enti pubblici e privati, studi sulla sordità, corsi di lingua dei segni (lis), una lingua visiva, molto difficile da imparare, assistenza nelle controversie civili, penali, amministrative e finanziarie, attività culturali, ricreative, sportive e iniziative per i giovani, le donne, gli anziani e i cittadini sordi stranieri.

Vederli lavorare è bellissimo. Domenica 22, al Pierlombardo, alle 16, sono in scena la compagnia Senza Parole e il Coro delle Mani Bianche in onore di Antonio De Pieri, vicepresidente dell’Ens, che per anni ha lavorato per avvicinare le persone sorde alla magia del teatro. Lo spettacolo è da non perdere.

http://buonenotizie.corriere.it/

 

Notizie via email