Villa Sordi, presto un museo Incontro tra Verdone e Franceschini

0
2.856 Numero visite

Il 15 giugno il grande attore avrebbe compiuto 95 anni. Presentato il progetto della Fondazione giovani per aprire la grande casa-museo al pubblico

di Redazione Roma Online

17582520-k0rD-U43090643689566xiF-1224x916@Corriere-Web-Roma-593x443

Avrebbe compiuto 95 anni proprio lunedì 15 giugno Alberto Sordi: una data non casuale per presentare, nella villa in cui visse dal 1958 fino al giorno della sua morte il 24 febbraio 2003, il progetto di aprire quella grande casa al pubblico. Oggi per la prima volta è stata aperta alla stampa per una conferenza stampa con i responsabili della Fondazione costituita dallo stesso grande artista nel 2001, da Carlo Verdone e dal ministro per i Beni Culturali Dario Franceschini.

La storia del cinema italiano

Non c’è ancora una data certa dell’apertura al pubblico, ai romani ma anche a tutti gli italiani perché dentro queste stanze c’è la storia del cinema italiano. Il progetto presentato oggi è quello di fare di questa villa un museo, ma non un semplice luogo di memoria storica, ma piuttosto un luogo vivo che sia in grado di trasmettere la sensazione che Sordi faccia ancora parte della nostra vita. Tra le stanze una fantastica barberia, lo studio con tantissimi premi, foto ricordo come quelle con la sorella Aurelia scomparsa nell’ottobre scorso, come quelle con i papi e poi il salone ricco di argenti e porcellane ma tutto sommato «comune» con le sue poltrone in velluto beige come quelle che si trovano in tante famiglie. E poi il teatro, un luogo dove Sordi vedeva i film con un vero e proprio palcoscenico.

Le due fondazioni

In nome di Alberto Sordi esistono due distinte fondazioni, la Fondazione Alberto Sordi per i giovani costituita dallo stesso artista che gli conferì in patrimonio l’opera Storia di un’italiano e la Fondazione museo Alberto Sordi istituita nel 2011 dalla sorella Aurelia per realizzare un museo dedicato ad Alberto proprio nella sua villa. Tra i primi atti portati a termine dalla fondazione Giovani, presieduta da Carlo Verdone, c’è la digitalizzazione dell’unica copia esistente in 35 millimetri di Storia di un italiano, l’antologia televisiva a puntate realizzata da Alberto Sordi con il suo fedele sceneggiatore Rodolfo Sonego.

http://roma.corriere.it/

 

Newsletter