Caos a Sanremo, in due minacciano di buttarsi dalla balconata

0
997 Numero visite

Inizio ad alta tensione per il festival di Sanremo 2014, tra Grillo-showe una protesta fuori programma di due lavoratori che hanno minacciato di gettarsi nel vuoto in platea.

20140218_castameraviglioso

La protesta a inizio Festival. Fazio fa giusto in tempo a cominciare un monologo sull’Italia, la sua bellezza e le sue storture prendendo spunto dal treno deragliato in Liguria con l’ultima ondata di maltempo e ancora fermo sui binari quando un urlo rompe il silenzio in platea. «Attenzione un attimo, non riusciamo a mangiare», gridano due uomini, uno in tuta da lavoro, che minacciano di gettarsi dalla balconata. Seguono attimi concitati, il conduttore prova ad andare avanti: «Non potete impedirci di lavorare», dice. Ma i due scavalcano la balaustra, urlano di essere pronti a gettarsi nel vuoto. A quel punto Fazio acconsente a leggere la lettera che i due mostrano alle telecamere e la situazione torna alla normalità. Sono dei lavoratori del bacino di Napoli che hanno perso il lavoro, in una fabbrica dove già altre tre persone si erano suicidate dopo la crisi.«Il direttore di Rai1, Giancarlo Leone ha poi incontrato i due lavoratori che hanno protestato in apertura del festival. «Temevano che Fazio non avrebbe letto la loro lettera ma poi li abbiamo riaccompagnati in galleria ad ascoltare il conduttore ed erano commossi, avrebbero anche voluto ringraziare».

Sul palco arriva Ligabue. A stemperare il clima ci pensa Ligabue che esegue una toccante versione della Deandreiana Creuza de Ma. Poi arriva Luciana Littizzetto e il Festival ha davvero inizio.L’anno scorso la carrozza, quest’anno le Bluebelles. Luciana è entrata in scena in modo spettacolare, con un costume da Bluebelle che, sulla scollatura, aveva montato un pupazzo di Vincenzo Mollica. Poi, come già fatto l’anno scorso, la Littizzetto ha letto una lettera a Sanremo, concedendosi anche una battuta rivolta al sindaco di Sanremo seduto in platea. «Sindaco nessun avviso di garanzia? Possibile? Neanche uno scontrino per un paio di mutande comprate di straforo?». Naturalmente il filo conduttore della lettera è lo sfottò nei confronti del suo partner artistico e la promessa di non dire parolacce anche se ha minacciato rime con Gualazzi e Baglioni.

Via alla gara. La prima a esibirsi dei sette cantanti previsti nella prima serata (ecco la scaletta) è Arisa.

http://www.ilmessaggero.it/

Newsletter