Roma, tornano le targhe alterne. Domani stop alle dispari, mercoledì tocca alle pari

0
1.372 Numero visite
di Lorena Loiacono

ROMA – Roma soffoca nella morsa dello smog e il Campidoglio corre ai ripari. Era nell’aria già da giorni e ieri è arrivata la conferma: entrano in vigore le targhe alterne, si comincia domani con il blocco delle dispari.

20131209_roma_stoptraffico

Un provvedimento, voluto dall’assessorato all’Ambiente sulla base delle previsioni per la qualità dell’aria fornite da Arpa Lazio, resosi necessario dopo il superamento del limite, per quattro giorni consecutivi, delle polveri inalabili e di biossido di azoto nell’aria. Nonostante i tre giorni di blocco per i mezzi più inquinanti. La settimana parte dunque in salita, non solo per i romani che si ritroveranno per metà a piedi, ma anche per lo shopping natalizio su cui, a due settimane dalle Feste, cade una nuova tegola.

Domani dunque resteranno ferme le auto il cui numero finale della targa sia dispari, nell’orario 7.30 – 12.30 e 16.30 – 20.30. Dopodomani, mercoledì, si replica, per le pari. Il blocco non riguarda i veicoli con contrassegno per invalidi, quelli a trazione elettrica e ibridi e quelli alimentati a metano e a Gpl, gli euro 5 a benzina e diesel, i ciclomotori euro 2 e motocicli euro 3. Resta inoltre confermato, raggiungendo quindi oggi il quarto giorno consecutivo, anche il blocco della circolazione per i veicoli più inquinanti all’interno della fascia verde, dalle ore 7.30 alle ore 20.30 per tutti gli euro 0 ed e euro 1, per i diesel anche gli euro 2, per motoveicoli, ciclomotori e microcar diesel euro 0 ed euro 1.

Un Natale alle prese con l’inquinamento che poco piace ai commercianti, già colpiti da un calo delle vendite: «Faremo la danza della pioggia – assicura Massimiliano De Toma, presidente Federmoda Roma-Confcommercio – facendo arrivare a Roma direttamente gli indiani d’America, per pulire l’aria. Anche perché le misure sul traffico sembrano non bastare. Per i commercianti diventa tutto più difficile visto che i romani sono sempre più scoraggiati ad andare per negozi. Non mi resta che sperare che, visto lo stop alla circolazione, si riscopra l’importanza del negozio sotto casa».

http://www.leggo.it/

Newsletter