Gli strani suicidi delle mogli dei poliziotti americani

0
1.053 Numero visite

di 

Non rivela il suo nome per motivi di sicurezza. Vive in una località dello stato di Washington, costa ovest degli Stati Uniti. Si firma solo come “Cloudwriter” e scrive sul blog Behind the blue wall, dietro il muro blu.
Olimpio-41213
Il muro di complicità e coperture da parte di sceriffi e dipartimenti di polizia nei confronti dei loro colleghi. Agenti le cui mogli e compagne si sono tolte la vita in circostanze misteriose, strane, sospette. Episodi che sembrano, a prima vista, dei suicidi ma in realtà possono essere degli omicidi mascherati compiuti dagli stessi mariti-poliziotti. “Cloudwriter” indaga su ogni caso e cerca di vederci chiaro. Una missione resa possibile dall’aiuto di molte persone. Amici e famiglie delle vittime, ma anche semplici cittadini indignati per il codice del silenzio.

La battaglia di “Cloudwriter”, anche lei vittima di abusi, è un urlo nel silenzio dell’indifferenza, è uno strappo alla cortina di omertà. Crea gruppi di pressione, mobilita, impedisce che la versione ufficiale resti chiusa nel sacco nero dell’obitorio insieme alla donna “suicidata”. Chiarisce: non è una crociata contro un individuo, non sono un giudice, voglio solo capire quanto è avvenuto.

L’azione di Cloudwriter e di quanti la sostengono è stato raccontato in una drammatica ricostruzione interattiva sul sito del New York Times. Il quotidiano è tornato su un caso poco conosciuto. Quello di Michelle O’Connell, 24 anni, una figlia di 4, trovata senza vita nella sua casa di St. Augustin in Florida il 2 settembre 2010. Secondo la testimonianza del fidanzato, Jeremy Bank, agente in servizio con lo sceriffo della Saint John County, Michelle si è impadronita della sua pistola e si è sparata. Caso chiuso per le autorità: suicidio. Storia alla quale i genitori di Michelle non hanno mai creduto. Le loro proteste sarebbero rimaste confinate in questo angolo di Florida se non fosse intervenuta Cloudwriter.

La coraggiosa blogger scruta siti e giornali locali in cerca di vicende come questa. Un’indagine difficile perché spesso i dettagli sono scarni. A volte la notizia non riporta neppure i nomi delle persone coinvolte. E quello di Michelle O’Connell nella “breve” non c’era. Cloudwriter è risalita ai protagonisti, ha scavato sulle stranezze dell’episodio così come sul comportamento degli investigatori. Indagini fatte con i piedi, elementi trascurati, una gran fretta di scaricare tutto sulla povera Michelle. Manovra agevolata dal peso politico dello sceriffo. A Saint Augustin o in altre contee. Mettersi contro la stella può portare guai. Sono dei “signori” locali, eletti e rieletti, con agganci e protezioni.

La blogger ne ha scritto sul sito attirando centinaia di commenti. Nel gennaio 2011 il caso della mamma di St. Augustin è stato riaperto tra imbarazzi e comportamenti poco professionali da parte dei funzionari. A indagare è intervenuto un magistrato della Florida ma la conclusione è stata la stessa. Suicidio. Il verdetto che non ha chiuso le polemiche e non ha allontanato i sospetti sulla polizia quando deve indagare uno dei suoi. L’ostinato muro blu ha funzionato.

 

Twitter: @guidoolimpio

http://27esimaora.corriere.it

 

Newsletter