Terni, in vacanza con l’auto di servizio denunciato un dipendente dell’Asl

0
1.052 Numero visite

TERNI – Peculato, concussione e abuso d’ufficio. Sono i reati contestati ad un dipendente dell’Asl2 dalla guardia di finanza.

20131126_terni_finanza_10

 
L’uomo, un ternano di 63 anni, responsabile gestionale di un ufficio dell’Asl, avrebbe commesso una serie di reati ai danni dell’azienda per la quale lavora che gli avrebbero permesso di racimolare indebitamente una somma pari a 25mila euro. Per l’accusa ha utilizzato per anni l’auto di servizio per una serie di spostamenti in varie regioni italiane, dalla Lombardia alla Puglia, per finalità private estranee alle esigenze dell’ente.

«Nel tentativo di farla franca – spiegano gli investigatori – non aveva istituito il libretto di marcia dell’auto, che avrebbe utilizzato per vacanze e questioni strettamente personali. E non registrava i chilometri percorsi».

Per l’accusa avrebbe anche costretto il gestore di un impianto di distribuzione di carburante a farsi fare pieni di benzina e lavaggi dell’auto e a farsi regalare tergicristalli ed altri oggetti, tutti addebitati sulle schede carburante in carico all’Asl2 e pagati con i soldi pubblici. Un arricchimento illecito del dipendente e un danno ingiusto all’ente pubblico che ha portato a denunciare il 63enne ternano.

http://www.ilmessaggero.it

Notizie via email