Russia, si schianta un Boeing: 50 morti

0
1.565 Numero visite

L’aereo era in atterraggio a Kazan. Dopo l’impatto ci sarebbe stata una violenta esplosione

Soccorsi in atto a Kazan (rt.com)
Soccorsi in atto a Kazan (rt.com)

Un Boeing che volava sulle tratte nazionali russe si è schiantato in fase di atterraggio a Kazan. Le 50 persone a bordo, 44 passeggeri e 6 membri dell’equipaggio, sono morte. Lo riferiscono le agenzie Ria Novosti e Itar-Tass citando l’Agenzia per il Trasporto federale di Mosca. Fonti del ministero per le Emergenze indicherebbero invece le vittime in 52, con 50 corpi già ritrovati.

ESPLOSIONE – L’aereo, un 737 della compagnia Tatarstan, volo U9 363, stava volando dall’aeroporto di Mosca Domodedovo a Kazan, 700 km a est della capitale. Lo schianto è avvenuto al momento dell’atterraggio, alle 19.30 locali – le 16.30 italiane. Dopo l’impatto è avvenuta anche un’esplosione. Secondo fonti locali l’incidente sarebbe avvenuto mentre il pilota tentava un richiamo , pare il terzo, per riprendere quota. Le fiamme sarebbero state spente un’ora dopo l’impatto.

 

ERRORE UMANO – Fonti dei servizi d’emergenza, citati dall’agenzia Interfax, parlano di un probabile errore dei piloti durante il secondo avvicinamento, anche se non escludono nemmeno un guasto tecnico. Il muso dell’aereo avrebbe toccato terra al momento e, successivamente, sarebbero esplosi i serbatoi.

IL PRECEDENTE – Il velivolo era identificato con la registrazione VQ-BBN. Poco meno di un anno fa, il 26 novembre 2012, mentre stava partendo da Kazan verso Domodedovo , aveva dovuto invertire la rotta dopo 20’ e compiere un atterraggio d’emergenza perché alcuni sensori avevano indicato un’emergenza a bordo.

http://www.corriere.it/

Notizie via email