Morta Margherita Hack una vita per la scienza

0
1.037 Numero visite

Astrofisica, attivista e divulgatrice
aveva appena compiuto 91 anni

Margherita Hack era nata a Firenze il 12 giugno 1922
Margherita Hack era nata a Firenze il 12 giugno 1922

Si è spenta nella notte a Trieste Margherita Hack. L’astrofisica aveva 91 anni. E’ stata la prima donna a dirigere un osservatorio astronomico, quello di Trieste, dal 1964 al 1987.

L’astrofisica è morta la scorsa notte a Trieste in seguito a problemi cardiaci per i quali era ricoverata in ospedale da una settimana.

Dopo la laurea in fisica nel 1945 con una tesi sulle Cefeidi (stelle variabili, la cui luminosità cambia periodicamente), la Hack ha iniziato la sua intensa attività scientifica e ricoperto il ruolo di professoressa ordinaria di astronomia all’Università di Trieste dal 1964 all’1 novembre 1992. Sempre a partire dallo stesso anno ha diretto l’Osservatorio Astronomico di Trieste portandolo a rinomanza internazionale.

Margherita Hack non è soltanto nota per la sua dedizione alla ricerca, ma anche per il suo impegno in campo sociale. L’astrofisica si è infatti candidata alle elezioni regionali del 2005 in Lombardia, nella lista del Partito dei Comunisti Italiani. Dopo la sua elezione ha però ceduto il seggio. L’anno seguente, eletta alla Camera rinuncia anche a questo ruolo per dedicarsi all’astronomia. Recentemente, lo scorso ottobre, ha dichiarato di appoggiare Nichi Vendola alle elezioni primarie del centrosinistra, mentre al ballottaggio tra Pier Luigi Bersani e Matteo Renzi si è espressa in favore di quest’ultimo.

Il suo ricovero era stato tenuto segreto per sua volontà, così come ha lasciato indicazioni di essere sepolta nel cimitero di Trieste senza alcuna funzione né rito ma con una cerimonia esclusivamente privata. Le persone che gli sono state vicine fino alla fine hanno riferito che per rispettare le sue volontà non saranno resi noti né giorno né orario della sepoltura. «Il mondo della scienza perde una grande personalità, una grande donna, che si è prodigata una vita intera per affermare i diritti di libertà, di legalità e di uguaglianza» dice il Rettore dell’Università di Udine Cristiana Compagno.

 

Newsletter