🚫 USA: disabili sottoposti a vaccinazione forzata dalla polizia

0
52 Numero visite

Un video raccapricciante mostra la polizia che vaccina a forza disabili e persone con esigenze speciali

Il Dipartimento dello Sceriffo di Los Angeles avvia una campagna di vaccinazione diretta a disabili, malati mentali e senzatetto.

 

Celeste McGovern – LifeSiteNews – 13 aprile 2021

LOS ANGELES, California – Un video (*) che circola sui social media mostra membri del Los Angeles Sheriff’s Department (LASD) che iniettano con la forza a persone disabili e con handicap mentali il vaccino coronavirus della Johnson & Johnson, ora sospeso.

Secondo il sito web del dipartimento, a gennaio il LASD ha lanciato “Operation Homebound“, “un programma per vaccinare i residenti disabili più sottorappresentati, costretti a casa e scarsamente assistiti nelle nostre comunità, compresi quelli i senzatetto” .

Il filmato mostra due adulti e un agente in uniforme che trattengono una donna con problemi, chiaramente terrorizzata, mentre un secondo agente in uniforme le infila l’ago nel braccio.

Un’altra clip mostra una donna che è a malapena in grado di muoversi e incapace di parlare mentre viene vaccinata. “Va tutto bene, tesoro, va tutto bene. Ti abbiamo appena fatto una vaccinazione“, dice un agente alla donna, che sembrava dormire e si è svegliata quando l’ago è entrato nel suo braccio.

“Il video è orribile“, ha detto a LifeSiteNews lo psichiatra Peter Breggin, un sostenitore del diritto al consenso informato che ha condotto con successo una campagna negli anni ’70 contro la pratica psichiatrica della lobotomia chirurgica per la malattia mentale.

“Rappresenta il peggio della psichiatria, della salute pubblica e della politica progressista che si uniscono al servizio del globalismo“, ha detto.

“A nessuno che sia incapace di dare il consenso, inclusi i bambini, i malati gravi e le persone che si trovano negli istituti, tra cui prigioni, ospedali e case di cura, dovrebbe essere somministrato un vaccino sperimentale e ancora in fase di test clinici“, ha aggiunto Breggin.

Tutti i vaccini in circolazione fino ad oggi non sono approvati o autorizzati dalla Food and Drug Administration, ma hanno solo ottenuto l’Autorizzazione all’Uso d’Emergenza perché sono sperimentali.

“C’è un diritto costituzionale ben definito che vieta la sperimentazione sui malati di mente“, ha detto Breggin, che è l’autore del libro di prossima pubblicazione Covid-19 e i Predatori Globali.

Nell’ambito del programma dello Sceriffo, circa 500 residenti di Los Angeles sono stati vaccinati fino ad oggi utilizzando il vaccino anti Covid della Johnson & Johnson, che i funzionari sanitari statunitensi hanno detto lunedì non dovrà essere utilizzato fino a quando non saranno completate le indagini su sei casi segnalati di gravi coaguli di sangue nel cervello dopo la somministrazione.

Ad oggi, sono stati segnalati al Vaccine Adverse Event Reporting System (VAERS) dei Centers for Disease Control and Prevention 2.342 decessi riconducibili ai vaccini Covid-19, oltre a 4.972 segnalazioni di ricoveri.

Il vice-sceriffo Trina Schrader del LASD ha detto che l’Ufficio dello Sceriffo ha sospeso oggi l’Operazione Homebound a causa della “pausa” della FDA sul vaccino della Johnson & Johnson. Ha detto che “la sanità pubblica si sarebbe occupata” di qualsiasi segnalazione di eventi avversi tra coloro per i quali l’ufficio dello sceriffo aveva disposto la vaccinazione, piuttosto che lo stesso dipartimento dello Sceriffo.

“I personale addetto alle vaccinazioni è costituito da paramedici certificati e tecnici medici di emergenza che sono stati inviati in risposta alle richieste di persone con la tutela legale di persone disabili e costrette in casa, molte delle quali non sono in grado di frequentare le lezioni speciali di educazione o accedere ad altri programmi e servizi della comunità se non sono vaccinate“, ha aggiunto.

“Non stiamo correndo per la contea di Los Angeles acchiappando le persone e vaccinandole. Tutte queste vaccinazioni sono state richieste“, ha affermato la Schrader.

“Escludere i disabili dai servizi è di per sé una forma di coercizione“, ha detto Breggin, che ha definito gli atti di vaccinazione forzata “assolutamente umilianti” con l’effetto aggiuntivo di “precipitare tutti quelli che vedono nel timore e nella docilità“.

“Nessuno che vive oggi in America, sia in un istituto che a casa, è sufficientemente libero dalla coercizione per accettare volontariamente i vaccini Covid-19″, ha aggiunto.

La Schrader ha detto che i senzatetto non sono stati vaccinati nel programma, anche se una lettera del 25 marzo dello sceriffo Alex Villanueva al consiglio dei supervisori della contea di Los Angeles diceva: “Abbiamo in atto un piano in atto per vaccinare anche la nostra popolazione di senzatetto“.

“Lo fanno perché possono“, ha detto Breggin, definendo il programma come una chiara violazione del Codice di Norimberga, un insieme di principi etici definiti dopo il processo ai criminali nazisti della seconda guerra mondiale, che inizia con il principio che il “consenso volontario” dei pazienti che è “assolutamente essenziale”.

La storia americana è disseminata di precedenti di sperimentazione mascherata da “trattamento medico” su malati di mente e disabili. Per esempio, dal 1950 al 1972, i bambini disabili della Willowbrook State School di Staten Island, New York, furono sottoposti a esperimenti sui vaccini. Il pediatra della New York University Saul Krugman fu uno dei ricercatori coinvolti che infettò deliberatamente i bambini con il virus dell’epatite nutrendoli con un estratto fatto con le feci di pazienti infettati dalla malattia.

Un altro esempio è stato la sterilizzazione forzata da parte del governo di persone ritenute malate di mente e “indesiderabili”, che è continuata in alcuni stati fino agli anni ’80.

Un documento sulla priorità dei malati mentali per la vaccinazione Covid-19 pubblicato sul The Lancet a febbraio riportava che “gli interventi medici obbligatori” possono essere “traumatici” e quindi “dovrebbero essere considerati solo come ultima risorsa”.

Il documento ha detto che le persone con gravi malattie mentali come la psicosi possono avere condizioni sottostanti come l’obesità e il diabete di tipo 2 che aumentano il loro rischio di mortalità da Covid-19.

Breggin ha detto che, comunque, questi pazienti sono doppiamente vittimizzati dal sistema, perché le loro condizioni di predisposizione di base sono quasi sempre causate dagli psicofarmaci che vengono somministrati.

“Quello che facciamo in psichiatria è avvelenare il paziente per poi incolparlo di avere una durata di vita ridotta e malattie eccessive quando siamo stati noi che gli abbiamo dati questi farmaci”, ha detto.

(*) Se il video sparisce da YouTube potrete trovarlo qui

 

Link: https://www.lifesitenews.com/news/horrific-video-shows-police-force-vaccinating-disabled-and-special-needs-people

Scelto e tradotto da Arrigo de Angeli per ComeDonChisciotte

 

Newsletter