La disabilità sembra stia pian piano diventando una “colpa” così grave da meritare la pena di morte, mediante leggi pro morte come quelle su aborto ed eutanasia.

“L’Alta Corte del Punjab e dell’Haryana (PGIMER) in India ha recentemente concesso a una coppia di Chandigrah il permesso di abortire il loro bambino di 25 settimane a causa di un difetto congenito“. Ma la potenziale o sicura sofferenza di un bambino con un difetto congenito dopo la nascita non rende “giusta” la sua eliminazione.

Chi soffre ha bisogno di cure, non della morte.

Fonte: Live Action

 

Newsletter