PUBBLICITA

D’ora in poi, la discriminazione contro persone con disabilità o LGBTIQ è esplicitamente vietato dalla costituzione olandese: il Senato ha approvato ieri in seconda lettura un emendamento all’articolo 1 della legge fondamentale dei Paesi Bassi. 56 senatori hanno votato a favore, 15 contro.

PUBBLICITA

Era la seconda volta che la Camera Alta approvava la proposta e ora è stata adottata.

Fino ad ora, l’articolo 1 della Costituzione vietava la discriminazione fondata sulla religione, le convinzioni personali, le opinioni politiche, la razza, il sesso o qualsiasi altro motivo. Ma gli iniziatori D66, GroenLinks e PvdA pensano che sia importante che anche disabilità e l’orientamento sessuale siano in quell’elenco.

Contrari partiti confessionali e di estrema destra: SGP, PVV, FvD, Fraction-Nanninga e Fraction-Frentrop erano contrari.

La proposta era già stata presentata nel 2010 ed è stata discussa per la prima volta nel 2019. La legge deve ancora essere firmata ufficialmente dal re e dal ministro responsabile e pubblicata nella Gazzetta ufficiale, dice NOS.

“Una vittoria storica per la comunità arcobaleno”, ha dichiarato la presidente del COC Astrid Oosenbrug in una prima reazione. “I diritti LGBTIQ sono finalmente menzionati con orgoglio nell’articolo 1 e non sono più nascosti”, afferma Oosenbrug.

 

Notizia