Come Tasha in “Love Island”, anche le persone sorde sentono e parlano con accenti

0
50 Numero visite
PUBBLICITA

Mi sono seduto a guardare il primo episodio di quest’anno L’isola dell’amore con mia figlia, poiché mi è stato detto che c’era un concorrente sordo che appariva nello show.

PUBBLICITA

Di solito non guardo L’isola dell’amore ma come persona sorda, ero curioso di scoprire di più su come questa concorrente, Tasha Ghouri, avrebbe gestito l’essere l’unica persona sorda nello show.

Ho chiesto a mia figlia, che sta sentendo, se poteva sentire o meno che Ghouri era sordo. Sembrava comunicare con i suoi coetanei udenti con assoluta facilità. Mia figlia ha risposto: “Riesco a sentire i sordi nella sua voce”.

Oliver Barker

Questo non è stato sorprendente, dato che molti membri della mia famiglia sono sordi e io socializzo principalmente con persone sorde. Mia figlia conosce molto bene quello che noi non udenti chiamiamo “accento sordo”, noto anche ai ricercatori come “linguaggio sordo”.

Purtroppo, a poche settimane dall’inizio dello spettacolo, c’è stata un’ondata di trolling online e abusi diretti a Ghouri. Molto si è concentrato sul suo impianto cocleare – un dispositivo elettronico che consente ad alcune persone sorde di ascoltare ed elaborare il parlato (questo varia notevolmente tra le persone sorde) – e il suo accento.

Un accento si riferisce alla qualità della voce, all’intonazione e alla pronuncia delle vocali e delle consonanti delle persone. In generale, le persone tendono ad avere un accento quando parlano che riflette il loro genere, etnia, classe sociale, età e regione o paese di origine (tra gli altri fattori). Altre differenze linguistiche nel vocabolario e nella grammatica sono note come dialetti e si riferiscono agli stessi fattori sociali degli accenti.

Gli accenti possono anche indicare che una persona ha una disabilità, comprese le persone sorde. L’”accento sordo” si verifica perché le persone sorde spesso non sono in grado di ascoltare l’intera gamma di suoni che le persone udenti sentono.

Ciò significa che non sono sempre in grado di replicare l’intera gamma di suoni nelle parole pronunciate. Il discorso ha anche vari toni o schemi di intonazione che anche le persone sorde potrebbero non essere in grado di sentire, quindi non li replicano. C’è un alto grado di variabilità negli accenti sordi semplicemente perché ogni persona sorda è diversa, con alcuni che sono leggermente sordi e altri che sono profondamente sordi.

Abbastanza spesso, le persone sorde si sottopongono alla logopedia (che lo vogliano o meno) durante gli anni scolastici per imparare a pronunciare suoni e parole che non sono in grado di sentire. Molte persone sorde hanno esperienze piuttosto negative di logopedia. Per le persone sorde, imparare a parlare e usare la parola può essere un processo abbastanza cosciente e laborioso.

Oltre a un accento sordo, è del tutto possibile che una persona sorda abbia un accento regionale, a seconda di quanto sono sordi. Le persone sorde provenienti da diverse parti del paese, come le persone udenti, possono suonare in modo diverso l’una dall’altra quando parlano.

Oltre ad avere accenti diversi, le persone sorde commentano spesso che possono “vedere” gli accenti, perché suoni diversi possono apparire diversi sulle labbra. In uno studio recente, le persone sorde hanno affermato che la bocca variava in diverse parti del paese. Ciò dimostra che le persone sorde sono consapevoli delle differenze negli accenti, fornendo esempi come il modo in cui la parola “bagno” sembra articolata in modo diverso dalle persone sorde del nord e del sud dell’Inghilterra.

‘Accenti’ nella lingua dei segni

Molte persone sorde nel Regno Unito usano la lingua dei segni britannica (BSL). Come l’inglese parlato, c’è un alto grado di variabilità, a seconda di fattori sociali. Tecnicamente, ci sono poche prove per l’accento nelle lingue dei segni – cioè una variazione sistematica nella pronuncia in segni come la loro forma di mano o altre caratteristiche formative – in relazione a fattori sociali come la regione.

Ma c’è sicuramente una variazione lessicale diffusa, con segni diversi usati per un dato concetto. Questo è simile alle differenze dialettali nell’inglese parlato, come le diverse parole per le scarpe che i bambini britannici indossano per l’educazione fisica.

Abbiamo scoperto nella nostra ricerca che i firmatari BSL tendono a equiparare questa variazione lessicale con l’accento. Pensiamo che ciò sia dovuto al fatto che questa variazione è molto evidente e segna l’identità regionale in BSL nello stesso modo in cui lo fanno gli accenti nelle lingue parlate. Ad esempio, i segni per i numeri possono variare notevolmente.

È importante sottolineare che nello stesso studio abbiamo riscontrato che i firmatari BSL attribuiscono un valore elevato alla variazione regionale in BSL. Fa parte di ciò che la rende una lingua ricca, alla pari dell’inglese, la lingua maggioritaria circostante.

I concorrenti su L’isola dell’amore provengono da tutto il Regno Unito e dal mondo. Solo in questa stagione, ci sono variazioni di accento da Londra, Newcastle, Galles, Italia ed Essex, solo per citarne alcuni: l’accento di Tasha è solo un altro esempio della ricca diversità degli accenti inglesi.

Questo articolo è apparso originariamente su The Conversation.

 

Notizia