PUBBLICITA

Ripristinare l’udito attraverso l’impianto cocleare per i bambini con disturbo dello spettro autistico (ASD) può aiutarli a comprendere il linguaggio parlato e migliorare le interazioni sociali, secondo uno studio dell’Ann & Robert H. Lurie Children’s Hospital di Chicago.

PUBBLICITA

Redazione Tech Icrewplay DÉNISE MELONI

Lo studio ha riportato i risultati a lungo termine del maggior numero di bambini con ASD che hanno ricevuto un impianto cocleare, con un follow-up medio di 10,5 anni.

Impianto cocleare

I risultati dello studio sono stati pubblicati sulla rivista scientifica Otology & Neurotology.

Impianto cocleare nei bambini ASD sordi: ecco tutti i benefici

“I nostri risultati si aggiungono al crescente corpo di prove che l’ impianto cocleare avvantaggia chiaramente i bambini sordi con disturbo dello spettro autistico”, ha affermato l’autore senior Nancy Young, MD, direttore medico dei programmi di audiologia e impianto cocleare presso Lurie Children’s e professore di otorinolaringoiatria pediatrica alla Northwestern Facoltà di Medicina dell’Università Feinberg.

Impianto cocleare
Bimodal Neuro 2 Power Pink- Two girls

 “Un migliore udito fornisce l’accesso al linguaggio parlato che può migliorare il loro potenziale cognitivo e comunicativo, oltre ad aiutare questi bambini a impegnarsi maggiormente con le loro famiglie”.

La maggior parte (73%) dei bambini nello studio ha utilizzato costantemente il proprio impianto cocleare durante il giorno, di cui il 45% ha sviluppato una certa comprensione delle parole pronunciate solo con l’udito (nessun segnale visivo). Il quarantacinque percento usava anche la lingua parlata in una certa misura come parte della loro comunicazione complessiva.

 L’86% è stato segnalato dai genitori per aver migliorato l’impegno sociale dopo l’impianto. Rispondendo a un sondaggio, un genitore ha riferito: “Senza il suo impianto, era bloccato nel suo piccolo mondo, nessun suono, nessun contatto visivo con gli altri. L’impianto ha fatto emergere la sua personalità”.

Secondo recenti stime, un bambino su 88 negli Stati Uniti ha l’ASD, un disturbo dello sviluppo complesso caratterizzato da comunicazione e interazione sociale compromesse . Dal 25 al 30 percento dei bambini con udito normale con ASD non sviluppa il linguaggio parlato come mezzo di comunicazione.

Pertanto, i bambini con ASD in combinazione con una profonda perdita dell’udito hanno due condizioni che possono limitare lo sviluppo del linguaggio parlato. Non sorprende che i bambini in questo studio di solito abbiano sviluppato la comprensione e l’uso del linguaggio parlato più lentamente rispetto ai bambini impiantati senza ASD.

Impianto cocleare

È stato riportato che i bambini con ASD hanno una maggiore prevalenza di ipoacusia neurosensoriale (SNHL) rispetto ai bambini senza ASD. Al contrario, è stato riportato che i bambini con SNHL hanno un più alto tasso di ASD rispetto a quelli con udito normale. 

Il dottor Young ha osservato che “la relazione tra queste due diagnosi per alcuni di questi bambini può essere dovuta al citomegalovirus congenito (CMV), un’infezione che inizia nel feto in via di sviluppo e che spesso non viene riconosciuta dopo la nascita. Può causare perdita dell’udito ed è associata con una maggiore incidenza di ASD”.

La maggior parte dei bambini nello studio è stata diagnosticata con ASD dopo l’impianto cocleare. La diagnosi dopo l’impianto è probabilmente correlata alla giovane età in cui la maggior parte ha ricevuto l’impianto e alla maggiore difficoltà nel diagnosticare l’ASD quando è presente una significativa perdita dell’udito.

“Comprendere la gamma di risultati in questa popolazione è importante per consigliare genitori ed educatori per garantire che questi bambini ricevano supporto e servizi adeguati“, ha affermato Beth Tournis, AuD, audiologa presso Lurie Children’s e co-autrice dello studio. Il programma di impianto cocleare per bambini di Lurie è uno dei più grandi e più esperti al mondo.

La ricerca presso l’Ann & Robert H. Lurie Children’s Hospital di Chicago è condotta attraverso lo Stanley Manne Children’s Research Institute. Il Manne Research Institute è focalizzato sul miglioramento della salute dei bambini, sulla trasformazione della medicina pediatrica e sulla garanzia di un futuro più sano attraverso la ricerca incessante della conoscenza.

Impianto cocleare

Lurie Children’s è classificato come uno dei migliori ospedali per bambini della nazione da US News & World Report. È il campo di addestramento pediatrico per la Northwestern University Feinberg School of Medicine. L’anno scorso, l’ospedale ha servito più di 220.000 bambini provenienti da 48 stati e 49 paesi.

La prevalenza dell’autismo è maggiore nelle persone sorde che nelle persone udenti. Tuttavia, le condizioni che imitano l’autismo associato alla privazione del linguaggio sono ancora più elevate. Inoltre, molte persone autistiche sembrano avere una relazione scomoda con il suono.

Le cause dell’autismo non sono ancora del tutto comprese. Sebbene sia stato confermato un legame genetico, esistono anche associazioni causali tra vulnerabilità neurologica e autismo. Laddove la causa della sordità minaccia l’integrità funzionale del cervello (ad es. CMV, meningite, rosolia, prematurità e alcune cause sindromiche di sordità) non è sorprendente scoprire che i tassi di autismo aumentano. Con l’aumento dei tassi di sopravvivenza per i bambini con questi problemi, aumenterà anche la percentuale di persone sorde con autismo.

La diagnosi errata è più comune che in una popolazione udente equivalente (Austen, Grey e Carney, 2007). Tuttavia, anche per i medici esperti nel lavoro con le persone sorde, una diagnosi accurata dell’autismo è resa difficile dalle caratteristiche dello sviluppo di molte persone sorde che si traducono in condizioni che possono creare una presentazione simile all’autismo.

Fino all’incirca al momento in cui i bambini vanno alla scuola elementare, il cervello è pronto a sviluppare un linguaggio sofisticato, astratto e sociale. Senza un ambiente linguistico ricco in questi primi anni, è possibile la deprivazione linguistica (linguaggio permanentemente stentato). Questo è comune nelle persone sorde e particolarmente e in gran parte di è prevenibile.

Impianto cocleare

 Gregory, Bishop e Sheldon hanno studiato i bambini sordi e le loro famiglie e hanno scoperto che il 20% dei bambini sordi non era in grado, nonostante il normale QI non verbale, di essere intervistato sia nel parlato che nei segni a causa delle scarse capacità linguistiche. Poco è migliorato da questa ricerca.

Senza il linguaggio è difficile raggiungere il grado di interazione sociale per conoscere gli stati mentali di altre persone e come il loro comportamento può essere correlato a questi. Ciò può comportare una teoria della mente (ToM) scadente. Un ritardo nell’acquisizione della ToM è legato a una scarsa acquisizione del linguaggio.

PUBBLICITA
Notizia