Il progetto è stato avviato all’inizio degli anni ’80 da Deaf Missions, missione internazionale impegnata nel comunicare il Vangelo di Gesù ai sordi

Dopo quasi quattro decenni, è ora disponibile per la prima volta nella lingua dei segni americana (ASL) la Bibbia completa.

Deaf Missions, Missione internazionale cristiana il cui ministero è dedicato a comunicare “il Vangelo di Gesù alle persone sorde attraverso la loro lingua, cultura e identità”, ha avviato il progetto all’inizio degli anni ‘80.

Nel 2016, per portare a compimento il progetto Deaf Missions ha collaborato con: Wycliffe USA, American Bible Society, Deaf Bible Society, Deaf Harbor, Door International, Pioneer Bible Translators e Seed Company.

Gli ultimi libri biblici che erano rimasti da tradurre – Isaia, Geremia ed Ezechiele – sono stati completati questo autunno. Ora, l’intera Bibbia è disponibile gratuitamente online, sui social media e su un’app per smartphone a beneficio dei 70 milioni di persone sorde nel mondo. La traduzione è stata condotta da persone che a loro volta sono sorde e formate nelle lingue bibliche.

«Circa il 98% della popolazione mondiale di persone sorde non ha mai incontrato il vero Gesù», si legge sul sito web di Deaf Missions. «Qual è il primo problema che le persone sorde devono affrontare quando si tratta di conoscere Gesù? La risposta si riduce a due parole: barriere comunicative».

Il presidente di Deaf Missions, Chad Entinger, ha spiegato a Mission Network News che la Bibbia nella Lingua dei segni americana (ASL) ha raccolto «una reazione straordinaria ed entusiasmante da parte della comunità cristiana sorda degli Stati Uniti».

La traduzione della Bibbia in lingua dei segni con bozze di video richiede più tempo del testo o delle bozze stampate, ha spiegato Etinger, che ha aggiunto: «Grazie a Dio, attraverso la generosità dei donatori di Deaf Missions e dei partner finanziatori, siamo stati in grado di superare le difficoltà di finanziamento e di assumere più traduttori per accelerare il completamento della traduzione della Bibbia, terminando così nel 2020 invece della nostra previsione originale fissata al 2033!».

Il presidente della Deaf Bible Society, J. R. Bucklew, aveva già in una precedente intervista rilasciata a Christian Postche, sebbene siano disponibili varie traduzioni di testi della Bibbia, circa il 95% della popolazione sorda del mondo è funzionalmente analfabeta. E solo 20 delle 400 lingue dei segni del mondo hanno una qualche forma di contenuto biblico disponibile.

Inoltre, poiché l’ASL ha una sintassi diversa dall’inglese, è importante che le persone della comunità dei non udenti possiedano una Bibbia in lingua dei segni. «[Anche] per i non udenti che imparano a leggere, si tratta principalmente di memorizzare simboli che rappresentano un suono con cui non hanno modo di identificarsi», ha detto Bucklew. «La lingua parlata in una forma di testo è sempre una seconda lingua per loro. Non sono in grado di identificarsi con loro come faresti con un linguaggio dei segni».

Negli ultimi anni sono stati fatti numerosi sforzi per rendere la Scrittura disponibile ai sordi.

A marzo, la Wycliffe Associates ha pubblicato una traduzione del Nuovo Testamento in un nuovo linguaggio basato su concetti, chiamato SUN (Symbolic Universal Notation), cioè una rappresentazione simbolica delle parole della Scrittura. Sviluppato da Wycliffe Associates, il SUN mira a raggiungere milioni di persone che sono sorde e cieche e non hanno altro modo di comunicare efficacemente con il mondo.

«Fondamentalmente, abbiamo preso il Nuovo Testamento e lo abbiamo suddiviso nei concetti principali di ciascuno dei versetti e di ciascuno dei capitoli. Per ogni concetto poi abbiamo creato un simbolo», ha dichiarato Lori Jenkins, direttore del programma SUN.

 

FOTO: Deaf Missions

 

Newsletter