Titus la rana che nuota nel silenzio: sordo dalla nascita è in finale

0
841 Numero visite

Da una folla di 1850 nuotatori americani che cercano uno dei 52 pass olimpici per Rio può emergere la commovente storia di Marcus Titus, che sta per vivere comunque un sogno: da sordo è in finale nei 100 rana col settimo tempo in 1’00”19, con sei avversari davanti che nuotano già sotto il minuto e quindi con poche speranze di arrivare tra i primi due (Cordes e Miller favoriti).

dal nostro inviato Stefano Arcobelli 

0217c9df1eb84c5e94f3902f8d90a185-knjH-U1601391475580FE-620x349@Gazzetta-Web_articolo
Marcus Titus in azione. Ap

Lui nuota per la Tucson Ford Dealers Aquatics, è nato il 30 maggio 1986, non è più giovanissimo ma non è mai troppo tardi per stare in mezzo ai grandi pur avendo un handicap. Sordo dalla nascita, vive il suo isolamento felice e quasi pensa di tramutarlo in vantaggio: «Io non sento la folla, i rumori, le distrazioni, posso concentrarmi come nessuno sulla gara». Comunque vada a finire, resterà fonte di ispirazione per i disabili: «E’ qualcosa di impressionante per me, poter comunicare il linguaggio dei segni». E questa, in fondo, è la sua vittoria vera, la più importante

impegno — Nato a Tucson, in Arizona, è un messaggero di speranza per chi condivide la sua condizione: non nuotava fino alla prima dell’High School. «Per me essere sordi non è un handicap, è solo l’assenza dell’udito, ma può succedere a chiunque di perderlo. Ciò che conta è solo la disciplina, la passione per ciò che fai e per come cresci. Ho avuto allenatori incredibili che hanno saputo supportarmi e grazie ai quali posso continuare a nuotare». Quando a tre anni, i genitori di Titus accettarono che non ci sarebbe stato più niente da fare, s’impegnarono a garantire al figlio una vita normale, la più normale possibile. La madre Mieko è stata decisiva per spingere il figlio a provare con la piscina: «Così ha trovato nel nuoto la passione della sua vita». E Marcus: «Ho trovato la sensazione piacevole di vincere, questo è stato ciò che mi ha fatto andare avanti». Marcus è stato inserito in un programma di raduni collegiali in Arizona il cui allenatore era Frank Busch, ora d.t. della nazionale americana. «Marcus è sempre stato uno che avrebbe trovato una via, ce l’avrebbe fatta. Non s’è mai riposato, s’è sempre impegnato ed è questo che ho sempre ammirato di lui».

lotteria — L’unico problema era trovargli qualcuno che potesse sostenerlo nel linguaggio dei segni, avere sempre qualcuno a fianco. «In realtà non abbiamo fatto niente di diverso per lui, perché lui non è un portatore di handicap». Titus ha potuto completare la sua carriera universitaria, ha partecipato ai campionati Ncaa nel suo secondo anno e ha debuttato anche in gare internazionali Deaf del 2011 dove, dopo un’accurata selezione, ha vinto 5 gare e preso un 2° e due terzi posti con le staffette. Ha migliorato anche alcuni record mondiali per nuotatori sordomuti. «Ora spero di essere un modello per i più giovani, spero che questa finale ai Trials possa aumentare la loro motivazione a crederci, se ci sono riuscito io possono riuscirci anche loro». Alla terza partecipazione ai Trials, è riuscito insomma a stare in una finale che vale l’Olimpiade di Rio. «E’ il sogno di ogni nuotatore americano essere qui, a 30 anni era la mia ultima occasione». Nel 2008 e 2012 sempre a Omaha si era classificato 8° e 11°. «Per arrivare tra i primi due devo fare la gara della vita, ma questo sarà comunque un grande giorno: non sarà facile vincere, è come la lotteria, anzi solo meglio!».
batterie: lochte e franklin — Nelle batterie della seconda giornata dei Trials, si qualificano per le semifinali due grandi attesi che cercano una nuova via, gli olimpionici Ryan Lochte (reduce dal flop nei 400 misti) e Missy Franklin, entrambi col 5° tempo nei 200 sl e nei 100 dorso. Nei 100 rana la più veloce è Lilly King nata nel 1997 e autrice di 1’06″45, a 12/100 Katie Meili. Nei 100 dorso si distingue il diciassettenne Michael Taylor.
LEDECKY CARICA — Scende in acqua la più attesa, Katie Ledeky e si concede nei 400 sl un 4’02″62 (58″04, 1’59″03 a +73/100 dal suo record mondiale, 3’00″43) con cui infligge 5″ alla seconda, Cierra Runge nell’ultima batteria. Nessuna può tenere testa alla campionessa e primatista mondiale (3’58″37) che avrà risparmiato energie per tentare il primo record di questi Trials: Leah Smith è a 4’03″14, Allison Schmitt, medagliata a Londra, a 4’06″66. “Volevo solo rompere il ghiaccio, vedremo stasera, di sicuro voglio andare più veloce” dice la fenomenale teenager che detiene 8 delle primo 10 prestazioni di tutti i tempi (le restanti due sono di Federica Pellegrini, già detentrice mondiale e ora solo europea in 3’59″15 e prima donna sotto i 4 minuti, nel 2009).
risultati(2a g., Myrtha pools, 50 m.). Batterie. Uomini – 200 sl: Dwyer 1’46″66; 2. Conger 1’47″25; 3. C.Smith 1’47″25; 4. Haas (’96) 1’47″74; 5. Lochte 1’47″77; 15. Jaeger 1’48″59. 100 dorso: 1. Plummer 53″22; 2. Pebley 53″48; 3. Taylor 53″50; 4. Murphy 53″84; 5. Grevers 53″98.
Donne – 400 sl: 1. Ledecky 4’02″62; 2. L.Smith 4’03″14; 3. A.Schmitt 4’06″66. 100 dorso: 1. Smolia 59″65; 2. Bilquist 59″67; 3. Stevens 59″72; 4. Deloof 1’00″09; 5. Franklin 1’00″35. 100 rana: 1. King 1’06″45; 2. Meili 1’06″57; 3. Haase 1’07″04; 4. Hardy 1’07″16; 5. Cotterell 1’07″21.
 http://www.gazzetta.it/
Newsletter