La Serbia ammette l’esistenza della lingua dei segni

0
823 Numero visite

Per la prima volta nella storia della Serbia i non udenti hanno assistito, nella lingua dei segni, a una seduta parlamentare. Hanno così potuto seguire da vicino l’iter di approvazione della legge che, dopo anni di discriminazione, dà pari dignità alla loro lingua.

di Nicola Dotto

Concept showing an empty hand as if it was holding a phone and pressing keys on screen of smartphone

Riconoscendone il suo ruolo nelle istituzioni, il diritto di farne uso per ricevere e dare informazioni, la sua importanza in ambito scolastico e lavorativo. Al punto da aver introdotto e formalizzato la nuova figura professionale dell’interprete giuridico. Un successo pieno, che assicura in futuro una maggiore inclusione e parità di trattamento ai 30 mila sordi residenti nel paese balcanico.

Allegati

http://www.west-info.eu

Newsletter