Le Paralimpiadi in una serie tv: su Raiplay “I fantastici – Fly2tokyo”

Il 6 agosto la prima di 10 puntate da 15 minuti, più una speciale da 40 minuti: racconteranno le storie di altrettanti atleti paralimpici in corsa per Tokyo. Ideata da Bebe Vio e prodotta da “Stand by me”, è la prima serie originale di RaiPlay dedicata al mondo della disabilità, in ambito sportivo

0
17 Numero visite
Pubblicità

Bebe Vio è l’ideatrice e la protagonista

Pubblicità

Con lei ci sono altri 11 atleti paralimpici, campioni in discipline diverse, con differenti disabilità ma un grande sogno in comune: gareggiare alle paralimpiadi di Tokyo. E per far questo, dovranno essere non solo bravi, ma “fantastici”. “I fantastici – fly2tokyo”, di Claudio Moretti, è la prima serie tv originale Raiplay dedicata a sport e disabilità: nata da un’idea di Bebe Vio e prodotta da “Stand by me” e dal produttore creativo Simona Ercolani, con la regia di Emanuele Pisano, debutterà il 6 agosto con la prima puntata speciale di 40 minuti, dedicata proprio a Bebe Vio e alla sua associazione “Art4sport”.

Seguiranno altre dieci puntate, da 15 minuti ciascuna, che racconteranno le storie di altrettanti atleti paralimpici, pronti a lanciarsi nella scommessa di qualificarsi alle Paralimpiadi di Tokyo. Un sogno che appartiene ad ogni atleta, che però acquista un valore ancora più importante nel caso degli sportivi disabili, per i quali la lotta per conquistare una medaglia coincide con quella per riconquistare la propria vita.

“Gli 11 ragazzi protagonisti della serie sono campioni nelle discipline di atletica leggera, nuoto, sitting volley, scherma in carrozzina, triathlon e basket in carrozzina – si legge sul sito della casa di produzione – Hanno talento, ma non basta. Per vincere la loro sfida dovranno essere ‘fantastici’. Chi di loro ce la farà? Il progetto ‘Fly2tokyo’ prende corpo da un’idea di Bebe Vio, che ha deciso di seguire il percorso sportivo di 10 ragazzi dell’Art4sport team (derivato dall’associazione Art4sport onlus, fondata nel 2009 dai genitori di Bebe) in vista delle Paralimpiadi, che si disputeranno dal 24 agosto al 5 settembre. La scommessa è di portare almeno sei di questi atleti fino alla qualificazione.

Da qui nasce la serie proposta su RaiPlay, nella quale troviamo undici storie vere di altrettanti ragazzi fantastici che inseguono il loro sogno. Non è importante chi arriva alla meta ma è importante far sì che sempre più persone possano affezionarsi al mondo paralimpico. Ognuno racconterà il suo percorso, fatto di preparazione, impegno, gare per la qualificazione ed emozioni per le vittorie e delusione per le sconfitte subìte”.

Oltre a Bebe Vio, gli altri atleti coinvolti nel progetto sono Emanuele Lambertini (scherma in carrozzina), Edoardo Giordan (scherma in carrozzina), Francesca Fossato (sitting volley), Riccardo Bagaini (atletica leggera), Marco Pentagoni (atletica leggera), Lorenzo Marcantognini (atletica leggera). E ancora Davide Obino (basket in carrozzina), Vittoria Bianco (nuoto), Veronica Plebani (triathlon), Ambra Sabatini (atletica leggera).

Fonte: Redattore sociale (www.redattoresociale.it)
Pubblicità