Da Monza al mare dell’Elba, tre atleti ‘Special Olympics’ alla nuotata della solidarietà

0
16 Numero visite

Isabel Logioia, Matteo Del Sordo e Sara Minardo hanno partecipato alla manifestazione Swim 647

Monza, 2 novembre 2020 –  Il Covid non li ferma: a mare aperto o nel centro del green gli atleti “speciali” monzesi danno il meglio di sé, dando un calcio alla pandemia. Giorni di grandi imprese per alcuni sportivi diversamente abili di Monza e Brianza che sono stati protagonisti di traversate benefiche e di tornei regionali salendo sul gradino più alto del podio. A dimostrazione che lo sport, vissuto in sicurezza, è un’attività irrinunciabile. Nel fine settimana Isabel Logioia di Lissone, Matteo Del Sordo di Monza, e Sara Minardo di Lodi – tre nuotatori Special Olympics – hanno partecipato all’Elba Swim 647 una nuotata non competitiva in acque libere in Toscana, dalla spiaggia delle Ghiaie a Marciano Marina, per raccogliere fondi nella ricerca contro le leucemie infantili. Una nuotata a mare aperto dove i tre atleti lombardi, affiancati dai loro compagni di bracciate, hanno percorso ciascuno 3,5 km contribuendo alla raccolta fondi insieme a una settantina di nuotatori (anche normodotati) provenienti da tutta Italia che hanno affrontato percorsi più lunghi.

«È stupendo vederli nuotare – racconta Cristina De Tullio, che ha nuotato insieme a Isabel -. In loro si condensano passione, entusiasmo, spirito di sacrificio e soprattutto la volontà a non arrendersi mai”. Ciascuno con le proprie caratteristiche. “Con Isabel basta uno sguardo verso il mare e lei si tuffa. Ha una resistenza straordinaria. Matteo invece è il velocista, non si ferma mai. Infine Sara è l’atleta con maggiore esperienza che nuota in mare aperto già da cinque anni. Un grande senso di competizione e la voglia di arrivare per prima al traguardo”.

Questa volta non c’erano medaglie in palio ma la soddisfazione di aver contribuito a una campagna di solidarietà e soprattutto di aver nuotato. “Quest’estate i ragazzi si sono sempre allenati in piscina”. Adesso, purtroppo, dovranno rinunciare momentaneamente a quella che, per loro, è più di una passione. C’è invece chi una medaglia l’ha portata a casa. È il golfista vedanese Marco Redaelli, già campione Special Olympics, che nei giorni scorsi con la maglia dell’Ads Green Monza Golf Club ha vinto ad Annone l’ultima tappa del primo campionato lombardo di golf per disabili laureandosi campione lombardo.

 

Newsletter