XXVII Salone Internazionale del Libro di Torino

0
1.394 Numero visite

Previsti oltre 250 operatori stranieri provenienti da 27 Paesi al XXVII Salone Internazionale del Libro di Torino 

Maria Ferrante

parete_di_libri

L’International Book Forum è un’iniziativa del Salone Internazionale del Libro di Torino e rientra nel Progetto Integrato di Filiera (PIF) Torino-Piemonte Graphic Arts & Excellences, gestito dal Centro Estero per l’Internazionalizzazione (Ceipiemonte) su incarico della Regione, di Unioncamere Piemonte e delle Camere di Commercio del Piemonte.

Obiettivo del PIF è lo sviluppo internazionale della filiera, composta da editoria grafica e cartotecnica, partendo da un’offerta aggregata di eccellenze e la creazione di partenariati commerciali con clienti internazionali. Anche l’edizione di quest’anno vede la collaborazione con ICE-Agenzia che ha reso possibile la partecipazione di un’importante delegazione dell’industria editoriale cinese. Rinnovato inoltre l’impegno per AdaptLab, il programma di adattamento dei libri per il piccolo e grande schermo destinato a sceneggiatori professionisti e registi europei, promosso da TorinoFilmLab e International Book Forum in collaborazione con la Fondazione per il Libro, Iniziative Film, Museo Nazionale del Cinema di Torino, FIP-Film Investimenti Piemonte e Film Commission Torino Piemonte, sotto l’egida della Regione Piemonte.

La Regione Piemonte sostiene per l’edizione 2014 di Book to the future, nel Padiglione 2, iniziativa interamente dedicata all’editoria digitale, il debutto dell’Area Start up, realizzata dal Salone Internazionale del Libro, con GL Events-Lingotto Fiere e Associazione Luoghi di Relazione, associazione che organizza il Digital Festival, in collaborazione con Tag, Talent Garden.

Avranno dunque l’opportunità di partecipare al Salone del Libro, selezionati attraverso un bando online dedicato ad aziende nate dopo il 1° gennaio 2011, dieci start up che offrono servizi innovativi e che contribuiscono a trasformare e a sviluppare il prodotto editoriale in formato digitale. Anche quest’anno lo stand  a disposizione del  progetto Parco Culturale Piemonte Paesaggio Umano, nato dalla collaborazione tra Regione Piemonte, Salone del Libro e le numerose realtà territoriali, darà voce alla molteplici iniziative finalizzate a  diffondere e valorizzare la storia, la cultura, l’ambiente umano e quello naturale. Giovedì 8 maggio è in programma la presentazione dei Grandi Eventi della Fede in Piemonte: l’Ostensione della Sindone, il Bicentenario di don Bosco, il Centenario della Società San Paolo, la Passione di Sordevolo e la Borsa del Turismo religioso di Oropa.  Nel Padiglione 3 la Regione Piemonte dedicherà uno specifico stand al turismo religioso.  

La Regione Piemonte quest’anno è protagonista al Salone Internazionale del Libro nell’area interistituzionale del Padiglione 1 di Lingotto Fiere, insieme a Consiglio regionale del Piemonte, Provincia di Torino e Città di Torino. In questa edizione la Regione, ha scelto di partecipare al  progetto Officina con la volontà di valorizzare e condividere con gli editori indipendenti tutta la programmazione presentata negli spazi dell’Arena Piemonte.

Il Padiglione 1 diventa dunque l’Officina dell’Editoria di progetto, dove per Officina s’intende tutto ciò che concorre alla creazione e alla diffusione del libro in Italia: dagli autori ai lettori passando per editori, traduttori, redattori, librai, distributori. Lo spazio dedicato agli Editori Piemontesi è presente all’interno dello Spazio Piemonte, concesso dalla Regione Piemonte con l’obiettivo di favorire la diffusione della ricca produzione editoriale piemontese, attraverso l’esposizione e la vendita delle opere edite dai piccoli e medi editori. Anche per questa edizione si conferma il contributo, da parte della Regione Piemonte, agli editori piemontesi che partecipano al Salone Internazionale del Libro, grazie alla preziosa collaborazione con Unioncamere Piemonte. Inoltre, gli incontri legati alla conoscenza della storia e della cultura piemontese, a cura di  enti, associazioni ed editori, si svolgeranno oltre che nella consueta Sala Arancio, nella nuova Sala Argento. 

La Regione Piemonte, socio nella Fondazione per il libro, conferma il suo impegno per la ventisettesima edizione del Salone Internazionale del Libro – come ha evidenziato il Presidente della Regione Piemonte – e grazie ai numerosi progetti ed eventi finalizzati alla promozione della lettura, é presente  al Lingotto Fiere, sede del Salone, anche quest’anno con un impegno che riguarda  tutto “il sistema del libro”. 

La regione può contare su un sistema culturale d’eccellenza, con realtà  importanti proprio come  la Fondazione per il Libro, la Musica e la Cultura, il Circolo dei lettori, il circuito delle biblioteche, i piccoli e medi editori, le librerie e i festival. Questo sistema contribuisce  a creare un’economia fondamentale per i nostri territori e a fare del Piemonte un riferimento imprescindibile del panorama culturale europeo. 

Palcoscenico di Lingua Madre quest’anno si conferma lo Spazio Piemonte, dove la consueta  internazionalità firma i numerosi eventi proposti in collaborazione con il FolkClub. Da segnalare tra i numerosi appuntamenti: l’incontro con la giornalista e medico Ghada Karmi che interverrà sulla questione israelo-palestinese illustrando il suo ultimo libro, Alla ricerca di Fatima, e l’epistolario Lettere da Casablanca, scritto dall’autrice marocchina Rita El Khayat. 

Moltissimi saranno gli incontri letterari e musicali in rappresentanza del Kosovo, di Cuba, del Madagascar, del Ruanda, dell’Islanda, delle Isole Mauritius, dell’Iran. Lunedì 12 maggio sarà la giornata dedicata alla premiazione delle vincitrici del Concorso Letterario Nazionale Lingua Madre, destinato alle donne straniere residenti in Italia, con una sezione dedicata alle donne italiane. 

Anche quest’anno la Regione sarà presente all’interno del Bookstock Village con il progetto Nati per Leggere Piemonte (www.regione.piemonte.it/natiperleggere). Presso il Padiglione 5 sarà allestito lo stand che ospita laboratori di lettura con bambini e famiglie, ed incontri con i più amati autori di libri per l’infanzia. Le attività saranno come di consueto coordinate da professionisti dell’universo editoriale e pedagogico, bibliotecarie ed educatrici .Sostenuto dalla Compagnia di San Paolo, il progetto regionale nel 2013 ha coinvolto, oltre al capoluogo, 416 Comuni e 50.000 bambini piemontesi, più di 700 asili e scuole d’infanzia e quasi 400 biblioteche. Tutto culminerà lunedì 12 maggio nella consegna del Premio Nazionale Nati per leggere, giunto alla quinta edizione.

Un ampio  resoconto delle attività del Premio e della Giuria in questi anni è reperibile sulla rivista Liber, trimestrale sui libri per bambini e ragazzi, uno degli sponsor ufficiali del premio. Sempre nel Padiglione 5 troveremo OPLAB (Osservatorio Permanente sui Libri Accessibili per Bambini) uno spazio pensato per i piccoli lettori, affinché possano scoprire libri insoliti e accessibili, che impiegano codici diversi per narrare storie e libri, raccontando la disabilità e la diversità con leggerezza. Fa parte di OPLAB anche la mostra Vietato Non Sfogliare, un’esposizione itinerante dei migliori e più recenti libri per l’infanzia, caratterizzati da un’attenzione particolare alle tematiche dell’handicap. Libri tattili, in Lis (Lingua Italiana dei Segni), in simboli, senza parole e audiolibri popoleranno gli scaffali. La mostra, curata da Area onlus, che dal 1982 si occupa a Torino di bambini e ragazzi con disabilità, è realizzata in collaborazione con la Regione Piemonte e il Salone del Libro. 

Il Museo Regionale di Scienze Naturali di Torino parteciperà al Salone Internazionale del Libro con diverse iniziative che si svolgeranno principalmente nello Spazio Book del Bookstock Village e con la presenza di Dino, la mascotte del Museo, che stazionerà nel Padiglione 5 per tutta la durata del Salone. Tra le iniziative, un concorso rivolto alle scuole elementari che prevede la scrittura di un racconto con illustrazioni realizzate dai bambini, dal titolo I viaggi di Dino, liberamente ispirato ai viaggi del gigantosauro argentino di proprietà del Museo. Quest’anno il Padiglione 1 ospiterà anche la mostra I segreti dell’erbario Chartreuse, composta dai cinque volumi dell’erbario Chartreuse, che contiene 634 esemplari di piante essiccate, donato al Museo Regionale di Scienze Naturali perché venisse conservato e utilizzato secondo finalità scientifiche e museali. (06/05/2014-ITL/ITNET)

http://www.italiannetwork.it/

Notizie via email